/ 

| 06 settembre 2021, 16:30

La voce di Mengoni e la risata di Renato: questo "supersalone" che ci fa guardare avanti

Le immagini della serata di festa si uniscono a quelle della fiera. Filo conduttore riprendersi le sfide e le gioie della vita. Quegli alberi che "cantano"

La voce di Mengoni e la risata di Renato: questo "supersalone" che ci fa guardare avanti

C'è il momento in cui il presidente Mattarella decide che parlerà al Supersalone, non si limiterà ad ascoltare e a tagliare il nastro, perché a volte le parole sono troppo importanti. E c'è la musica che unisce il suo messaggio: quella di Marco Mengoni, protagonista dell'evento inaugurale alla Triennale per il Salone del Mobile. E ancora, c'è un volto caro al nostro territorio, che manda tutto questa carica di fiducia con una risata: è quello di Renato Pozzetto.

Sono attimi e situazioni così differenti, eppure tutti insieme fanno rivivere. Fanno sentire dentro sempre più forte la speranza che possiamo riprenderci le sfide ma anche le gioie della vita.

Il primo giorno a Rho (LEGGI QUI), con gli eventi ufficiali e gli stand visitati, ha raccontato il risveglio della fiera e le sue speranze. Ma il Salone è sempre connesso fortemente con la città ed ecco l'evento "Marco risuona", poche ore prima alla Triennale. 

L'arte di Marco

Marco è Marco Mengoni, un set up esclusivo per il cantautore che, accompagnato da pianoforte, contrabbasso, chitarra, batteria e quattro cori. Scorrono i suoi brani più cari: L’Essenziale, Proteggiti da me, Ti ho voluto bene veramente, Hola oltre a Ma stasera, il nuovo singolo, già certificato platino, una inedita cover di I’d rather go blind di Etta James e una versione di What the world needs now is love di Burt Bacharach.

I messaggi sono rafforzati con l’installazione sonora “Resonantrees performing Marco Mengoni” ideata e realizzata dal Sound Artist Federico Ortica con al centro la voce del cantautore. È all’interno del “Bosco di Forestami”, che segna il percorso d’ingresso al “supersalone” a Rho, una “foresta urbana risuonante” fatta di molteplici essenze, e in cui si potrà interagire sia a livello multisensoriale che a livello emozionale con la fonte sonora stessa. Gli alberi – grazie all’applicazione di speciali trasduttori che “mettono in risonanza” le diverse piante – diventano generatori di onde acustiche, facendo risuonare la voce e le melodie di Mengoni. Un approccio multisensoriale e multidimensionale.

Voglia di sorridere

Mengoni ha fatto poi il bis, cantando l'inno di Mameli per Mattarella.  Ma tornando alle immagini della festa, trattiene lo sguardo un'altra immagine: Renato Pozzetto, la sua risata che si riversa fin dagli occhi.

È accanto a Enrico Bertolino e il buonumore è assicurato già così. Più di tutto, perché è una serata normale, e quindi così speciale. Una serata che spinge a guardare avanti, ancora.

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore