/ Territorio

Territorio | 10 giugno 2021, 10:29

Cantello, scritte sui muri del cimitero. Il sindaco: «Rispetto per un luogo sacro»

"Le luci si spengono ma noi no" è la frase vergata con lo spray. La prima cittadina Chiara Catella: «Potrebbe essere una dedica rivolta a una persona scomparsa da poco, ma non si devono imbrattare i muri del cimitero, per rispetto di chi vi riposa e per chi lo frequenta»

Foto tratta dalla pagina Facebook di Chiara Catella

Foto tratta dalla pagina Facebook di Chiara Catella

"Le luci si spengono ma noi no" è la frase scritta con lo spray e comparsa da qualche ora sui muri del cimitero di Cantello.

Un gesto condannato duramente dal sindaco Chiara Catella. «Potrebbe trattarsi di una dedica a una persona recentemente scomparsa, ma questo non giustifica in alcun modo imbrattare i muri di un luogo sacro come il cimitero a cui giustamente i cantellesi sono molto affezionati» afferma la prima cittadina.

«Ci siamo già attivati per rimuovere la scritta - prosegue Catella - ma si tratta di un muro non intonacato e quindi lo spray è già penetrato ed eliminare la scritta sarà un'operazione molto complessa. Se ormai siamo costretti a soprassedere sulla buona educazione, non si può però non pretendere il rispetto che il cimitero merita, per chi ci va con il cuore pieno di dolore e non ha sicuramente voglia di vedere sporcato e imbrattato un luogo importate e sacro come il camposanto. Rispetto per tutti, per chi vi riposa e per chi lo frequenta». 

A Cantello gli atti vandalici sono piuttosto isolati, l'ultimo di una certa rilevanza risale a qualche tempo fa, quando i servizi igienici del parco appena tinteggiati dai volontari vennero imbrattati da ignoti. «Non è una questione di telecamere ma di cultura che manca, che non è stata insegnata, che proprio non esiste» conclude la prima cittadina.  

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore