Elezioni comune di Varese

 / Economia

Economia | 18 maggio 2021, 17:44

Hupac presenta il bilancio e guarda al futuro: «Rispettare le promesse di AlpTransit»

L'operatore leader in Europa del trasporto intermodale ha presento i conti del 2020, dove si è raggiunto il milione di spedizioni stradali: «Importante è potenziare rapidamente l'alimentazione elettrica sulle linee Bellinzona-Luino-Gallarate e Domodossola-Novara-Gallarate»

Hupac presenta il bilancio e guarda al futuro: «Rispettare le promesse di AlpTransit»

Hupac, il principale operatore europeo del trasporto intermodale ha presentato oggi il bilancio del 2020, dove nonostante la pandemia, è stato raggiunto il milione di spedizioni stradali; l'azienda guarda al futuro e prevede nel 2021 una crescita del traffico a una cifra percentuale. Ma il futuro del settore non può prescindere da AlpTransit, progetto che riguarda da vicino anche la provincia di Varese, di cui l'azienda chiede che vengano rispettate le promesse.

«Alptransit è stato costruito per i treni lunghi, pesanti e alti del traffico merci - spiega Hupac in una nota - i parametri chiave sono una lunghezza treno di 740 metri, un peso di almeno 2000 tonnellate con trazione a mezzo di una sola locomotiva e un'altezza di 4 metri. Mentre lo sviluppo delle infrastrutture in Svizzera, compreso il corridoio dei 4 metri verso l'Italia, è in gran parte completato, ci sono ancora notevoli lacune lungo il restante percorso del corridoio Reno-Alpi. Questo ha un impatto diretto sulla competitività del trasporto combinato e di conseguenza anche sul trasferimento modale, dal momento che la prevista riduzione delle sovvenzioni svizzere deve essere compensata da un aumento della produttività».

In questo senso, il prossimo anno sarà la prova del nove per il concetto Alptransit. «Come obiettivo di tappa, il nostro punto di riferimento per il 2022 è una lunghezza standardizzata dei treni di 690 metri via Luino e 625 metri via Chiasso - dice Michail Stahlhut, ceo del gruppo Hupac - solo con i treni più lunghi e pesanti saremo in grado di assorbire la prossima marcata riduzione dei finanziamenti. È qui che i tecnici dei gestori delle reti sono chiamati ad ottenere il massimo dalle infrastrutture nella fase odierna di ampliamento: ogni metro conta». 

Altrettanto importante, secondo l'azienda, è il rapido potenziamento dell'alimentazione elettrica sulle linee Bellinzona-Luino-Gallarate e Domodossola-Novara/Gallarate, per consentire in futuro la circolazione di tutti i treni a 2000 tonnellate. Anche l'aumento della lunghezza dei treni deve essere affrontato con urgenza.   

 

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore