/ Cronaca

Cronaca | 09 maggio 2021, 09:50

Porto Valtravaglia, il tabernacolo profanato (e rubato) restituito ai fedeli dai carabinieri

Era stato portato via assieme alle ostie dalla chiesa di San Giorgio di Muceno lo scorso settembre: per scardinarlo era stato usato come leva il crocifisso. I militari di Luino insieme ai Ris di Parma hanno individuato il responsabile e, dopo un restauro, restituito l'oggetto sacro alla comunità

Porto Valtravaglia, il tabernacolo profanato (e rubato) restituito ai fedeli dai carabinieri

Il tabernacolo della chiesa di San Giorgio di Muceno a Porto Valtravaglia restituito ai suoi fedeli. L'oggetto sacro era stato oggetto di una profanazione lo scorso settembre: ieri pomeriggio, nella chiesa di Muceno, don Marco Mindrone lo ha finalmente potuto benedire, durante la messa per la ricorrenza di San Vittore Patrono.

Tutto era iniziato lo scorso 23 settembre e quanto accaduto aveva profondamente colpito e indignato l’intera comunità. Quella sera, i carabinieri della Stazione di Castelveccana, erano intervenuti su richiesta del sacerdote per constatare il furto della porta del tabernacolo: poco prima qualcuno era entrato all’interno della chiesetta quattrocentesca rubando non solo lo sportello dell'involucro che custodisce il corpo di Cristo, ma anche una pisside con all’interno 20 ostie. Per profanare il tabernacolo, il ladro aveva usato come leva lo stesso crocifisso che si trovava sull’altare.

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Luino si erano messi subito al lavoro e avevano eseguito i rilievi dattiloscopici, trovando un’impronta digitale che è stata poi inviata ai carabinieri del Ris di Parma. Si è potuto così risalire all’identità dell’autore del gesto: un venticinquenne. Ci è voluto poco per andare quindi a perquisire l’abitazione del giovane, che pensava di trovarsi di fronte a agli oggetti in oro mentre il materiale di cui è fatta la pisside e il rivestimento del tabernacolo è ottone.

Recuperata la pisside, ormai smontata in diversi pezzi, c’è voluto la bravura di un artigiano di Luino per rimetterla a nuovo e restituirla alla chiesa ed ai suoi fedeli. Alla cerimonia di ieri, oltre ai carabinieri che hanno contribuito a risolvere il caso, ha voluto presenziare anche il sindaco di Porto Valtravaglia Ermes Colombaroli che ha ringraziato i militari per il prezioso ritrovamento e ha condiviso, con tutta la comunità di fedeli, la gioia di aver restituito alla bella chiesetta di Muceno, un nuovo tabernacolo.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore