/ Varese

Varese | 08 maggio 2021, 13:37

La Girometta d’oro 2021 al professor Grossi: «Premiamo la sua abnegazione unita all’attaccamento ai pazienti»

Al termine della messa in Basilica, il Regiù ha premiato l’infettivologo varesino e ha conferito il riconoscimento per l’Attività Economica alla Libreria Antiquaria Canesi e il premio Mamma dell’anno 2021 è stato assegnato a Giuseppina Larghi

La Girometta d’oro 2021 al professor Grossi: «Premiamo la sua abnegazione unita all’attaccamento ai pazienti»

E’ stata una cerimonia diversa, quella per il conferimento della Girometta d’oro di quest’anno, perché ancora una volta le restrizioni anti Covid non hanno permesso di fare il tradizionale corteo e la proclamazione a Palazzo Estense. Ad ospitare la Famiglia Bosina è stata la parrocchia di San Vittore, al termine della messa i memoria del nostro santo patrono (leggi QUI).

«La recente scomparsa di Augusto Caravati e di Natale Gorini, due figure di spicco del sodalizio varesino - a lungo “regiù” il primo, “re bosino” l’altro - lasciano in eredità un velo di tristezza che si va ad aggiungere alle difficoltà provocate dalla pandemiati», ha detto il Regiù Luca Broggini.

Quindi è stata una cerimonia sobria quella con cui si è conferita la “Girometta d’oro 2021” al professor Paolo Antonio Grossi, direttore del Reparto Malattie infettive dell’Ospedale di Circolo, inserito dal Ministero della Salute nella task force che si occupa del contenimento dell’infezione da Coronavirus. «La “Girometta” è un riconoscimento che vuole premiare non solo la sua indiscussa professionalità e competenza, la sua abnegazione in questi quindici mesi in trincea contro il Covid 19 – ha detto Broggni – ma anche il suo unanimemente apprezzato rapporto con i pazienti, che ricorda la tradizione dei medici di una volta che si prendevano a cuore tutto il malato, non solo i suoi organi attaccati dalla malattia».

Il riconoscimento per l’Attività Economica premia quest’anno la Libreria Antiquaria Canesi di via Walder 39. Roberto Canesi, geometra con la grande passione per i libri, comincia la sua attività a Pavia, poi, per amore, si trasferisce a Varese dove apre nel 1984 la libreria che da subito è diventata meta di eruditi alla ricerca di testi rari o più semplicemente luogo d’incontro per bibliofili: Angelo Stella, Luigi Zanzi, Giugi Armocida, Romano Oldrini, Renzo Dionigi - solo per citarne alcuni – hanno a lungo frequentato e frequentano i locali del signor Roberto. Non solo: grazie a Internet la libreria di Varese ora è conosciuta e vende in tutto il mondo. Da sempre alleata della Famiglia Bosina, la Libreria Antiquaria Canesi è anche punto di riferimento per le iscrizioni al sodalizio e per la vendita dei Calandari.

Il premio Mamma dell’anno 2021 è stato assegnato a Giuseppina Larghi, per tutti alle Bustecche, dove risiede, “Pinuccia”. Sposata con Claudio da quasi vent’anni, ha avuto due figli Michele e Martina. Quest’ultima, fin dalla nascita, ha avuto necessità di cure particolari e costanti e che la famiglia le ha riservato con dedizione e con amore. Non solo: l’ha aiutata ad inserirsi nella comunità parrocchiale, a scuola e nel centro “Anaconda” che oggi frequenta. Nonostante gli impegni familiari, “Pinuccia” non ha mai smesso di portare avanti i propri impegni lavorativi e si è’ sempre attivamente prodigata nel volontariato, animando la vita di comunità’ e contribuendo a consolidare la Parrocchia di Santa Teresa di Gesù Bambino. Negli ultimi mesi “Pinuccia” ha dato una ulteriore dimostrazione della sua forza d’animo trascorrendo, a turno con il marito, lunghi periodi in ospedale insieme alla figlia che, grazie a questa vicinanza, riesce a sopportare con coraggio e con il sorriso anche i momenti più’ difficili.

Valentina Fumagalli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore