/ Calcio

Calcio | 21 febbraio 2021, 21:29

VIDEO. La curva incita il Varese al ritorno dalla Val d'Aosta: «Forza ragazzi, avanti così. Salviamoci e poi l'anno prossimo...»

Non esiste rammarico ma solo orgoglio dopo il 2-2 odierno (11 punti nelle ultime 5 partite) e i tifosi lo dimostrano alla squadra attendendola e incitandola allo stadio. La vetta del Mortirolo è lontana, serviranno altri scatti. Ezio Rossi: «Ebagua può diventare il nostro Ibra se...»

VIDEO. La curva incita il Varese al ritorno dalla Val d'Aosta: «Forza ragazzi, avanti così. Salviamoci e poi l'anno prossimo...»

Fumogeni e cori (vedi il video a fondo articolo) accompagnati da alcuni clacson delle auto di passaggio nel piazzale dell'antistadio: così la curva biancorossa ha accolto il Varese al ritorno dalla lunga e dura trasferta in Val d'Aosta. Se qualcuno avesse provato amaro in bocca (da 2-0 a 2-2), sarà sicuramente svanito di fronte all'abbraccio ricevuto dalla squadra davanti al Franco Ossola. Un abbraccio a cui si sono aggiunte alcune parole, dette dalla curva ai giocatori e ai dirigenti presenti, cioè Stefano Amirante, Filippo Lo Pinto, Gianni Califano e Andrea Scandola: «Forza ragazzi, andate avanti così. Noi ci siamo e siamo orgogliosi di voi. Quest'anno ci salviamo e poi l'anno prossimo...». Poi, dopo un lunghissimo "Forza Varese", pubblico e giocatori si sono applauditi nella notte riscaldata e colorata da quest'accoglienza che rinsalda il legame, fortissimo, tra tifoseria, giocatori e club. Ricarica chi fosse deluso, carica ancora di più tutti gli altri. 

Non c'è alcun motivo per essere affranti dal risultato odierno contro la miglior avversaria incontrata sin qui: inutile illudersi sul 2-0, non sono bastati un paio di scatti per staccare l’avversario, che è venuto a riprendere il Varese. Il Mortirolo è lungo e la vetta lontana. Due mesi fa sarebbe stata pura utopia pensare di mettere assieme 11 punti in 5 partite, eppure sono stati fatti: non basta per salvarsi ma per essere vivi, sul pezzo e nel gruppone, dopo essere rimasti staccatissimi all'ultimo posto, sì. Le squadre davanti sono tante, andiamo a riprenderle una per una

Il Varese nella ripresa, subiti due gol in 3 minuti, ha accusato il colpo ed è sembrato per la prima volta un po' stanco, forse per essere stato a lungo sui pedali e avere attaccato a perdifiato due volte a settimana per mesi prima di riuscire a rientrare in gruppo. E' umano, naturale, perfino giusto. Serviranno forze fresche perché Ezio Rossi fin qui ha spremuto una rosa che era contata in alcuni ruoli e che ora non lo è più (quando arriverà anche la punta centrale sarà davvero al completo). 

Intanto il Varese ha ritrovato un gol di Ebagua: non ci credeva quasi nessuno o forse in pochissimi, e tra questi pochissimi ci sono sicuramente Ezio Rossi e Stefano Amirante, oltre allo stesso Giulio. Il tecnico ha usato una frase bellissima dopo la partita, un pungolo fenomenale: «Se avrà cura del suo fisico, potrà essere l’Ibra del Varese». Una frase alla Maroso, come accade spesso quando parla Rossi. Giulio oggi ha segnato il 47° gol, e non il 48° come appare a qualcuno, con la maglia biancorossa: «41 in campionato, 2 nei playoff e 3 in coppa Italia per un totale di 46 e non 47... ma presto il 47esimo arriverà. Forza Giulio» gli aveva scritto l'amico Filippo Brusa nel giorno del suo ritorno. Ora tocca al numero 48. 

Roberto Cretaz, allenatore di casa, a fine gara era furibondo e lo capiamo benissimo perché di presunte decisioni arbitrali avverse il Varese ne ha subite certamente di più e molto tempo prima di quelle che lui oggi denuncia. Ha detto che c’erano 3 o 4 rigori per il Pont Donnaz: opinioni (la nostra, per esempio, è che al limite ce ne fosse uno su Capelli). Un suo giocatore ha ringhiato ai giornalisti di Varese “scrivete tutto, eh”. Accontentato. Ma aggiungiamo una cosa: fare notare i punti in classifica di differenza tra la sua squadra e il Varese, non è stata la mossa più sportiva da parte di Cretaz. Non contano solo quelli nella vita di una società e di una tifoseria come quelle del Varese: l'accoglienza della curva di questa sera lo testimonia. Il giudizio che abbiamo noi di Cretaz, infatti, resterebbe lo stesso sia che conquistasse i playoff - come certamente avverrà - sia che non gli riuscisse: è un ottimo e bravo allenatore

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore