/ Salute

Salute | 04 febbraio 2021, 21:21

Asst, Ats e Molina in audizione in consiglio comunale, il dottor Maffioli: «Il nostro sistema di gestione dell'emergenza è un modello internazionale»

Gli ospedali di Varese hanno avuto il maggior numero di pazienti Covid positivi in Italia, «mettendo a punto un sistema di rimodulazione dei servizi che non ha mai lasciato nessun paziente senza un posto letto». Galimberti: «Avanti con forza e unità sulla campagna vaccinale»

Asst, Ats e Molina in audizione in consiglio comunale, il dottor Maffioli: «Il nostro sistema di gestione dell'emergenza è un modello internazionale»

Il direttore sanitario di Asst Laghi Lorenzo Maffioli, insieme alla dottoressa Augusta Diani e al professor Paolo Grossi hanno relazionato questa sera in consiglio comunale, sulle attività svolte dagli ospedali del nostro territorio durante l'emergenza Covid.

«Attività articolata su sette ospedali - ha spiegato il dottor Maffioli -, che hanno fatto fronte alla seconda ondata pandemica rimodulando le attività e i posti letto disponibili nei vari presidi, l'attività ambulatoriale e chirurgica grazie alla collaborazione di tutto il personale. Fondamentale è stata l'organizzazione dell'unità di crisi che si riunisce giornalmente per definire, ora per ora, le necessità che insorgono dal punto di vista organizzativo e gestionale. Modello organizzativo di rilevanza internazionale perché abbiamo gestito una casistica importante, superiore a quello delle altre strutture italiane, senza criticità di rilievo».

Il picco di pazienti si è registrato il 18 novembre con 642 ricoveri. «Abbiamo trasformato 20 unità operative Covid- a Covid+. Oltre 35 sono i posto letto ricavati di terapie intensive. Abbiamo aperto posti sub acuti, ospice, e rimodulato tutte le strutture per accogliere pazienti Covid. Un equilibrio difficile, contando i 315 operatori sanitari che si sono ammalati, ma nessun paziente è rimasto mai senza un letto». 

Varese detiene un altro primato: quello di aver individuato per prima le due varianti di Covid, quella Brasiliana e quella Sud Africana, sul territorio nazionale. «Questo perché abbiamo sviluppato sistemi di sequenziamento virali tempestivi, che ci hanno permesso di bloccare le due varianti Covid caratterizzate proprio da un'alta contagiosita - ha detto il professor Grossi  - Ci siamo arrivati passando da una fase di conoscenza del virus, dalla messa a punto di un protocollo di gestione terapeutica e da una peculiare diagnostica per tamponi». 

Per quanto riguarda la campagna vaccinale: «È cominciata il 27 dicembre - ha spiegato la dottoressa Diani - e da allora abbiamo erogato più di 12 mila dosi, 7000 mila agli operatori sanitari dei nostri presidi, coprendo il 76% del personale e 4400 hanno già avutoa seconda dose. Stiamo procedendo con le altre categorie indicate e termineremo la fase 1 il 10 febbraio».

«Ringrazio Ats, ASST e la Fondazione Molina per l'aggiornamento fatto questa sera in Consiglio comunale sulla situazione della pandemia in città e sul territorio - le parole del sindaco Davide Galimberti - Sicuramente questo ci deve ancora di più unire, come istituzioni, nell'impegno sulla campagna vaccinale. È fondamentale che la nostra città non perda nemmeno un secondo su questo fronte. Per questo, come Comune, ci siamo messi a completa disposizione per fare sinergia tra i vari livelli istituzionali e sanitari. Da subito infatti ci siamo messi al lavoro per individuare il maggior numero di strutture adatte ad essere utilizzate per la somministrazione dei vaccini contro il covid19. Ma siamo pronti anche a sostenere farmacie e studi medici, qualora potessero effettuarli, nella logistica e nell'organizzazione. Anche assegnando gratuitamente spazi esterni dai loro studi medici o dalle farmacie. Quella contro il coronavirus è una battaglia che ci deve vedere tutti uniti, senza perdere nemmeno un attimo di tempo. Prima riusciremo a vaccinare il maggior numero di persone e prima potremo uscire da questa situazione. A questo però dobbiamo anche unire un progetto serio e concreto per il rilancio dell'economia. Anche su questo fronte non ci siamo fermati e nei prossimi giorni presenteremo un piano per l'utilizzo del Recovery fund a Varese».

Valentina Fumagalli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore