/ Canton Ticino

Canton Ticino | 21 gennaio 2021, 15:29

Il medico cantonale ticinese: «Varianti fra il 50% e il 70% più contagiose. Sconsigliato l'uso della mascherina FFP2»

Giorgio Merlani in un'intervista al quotidiano on line Tio.ch: «La soluzione migliore per proteggersi è la mascherina chirurgica, la FFP2 è più difficile da indossare e rende la respirazione meno agevole. Ok la distanza di un metro e mezzo»

Giorgio Merlani nella foto tratta da coronavirus-central.org

Giorgio Merlani nella foto tratta da coronavirus-central.org

«Le nuove varianti del virus risultano fra il 50 e il 70% più contagiose»: a dirlo è il Medico cantonale ticinese, Giorgio Merlani, intervistato dal quotidiano on line Tio.ch che, come sempre, parla con chiarezza e semplicità rispondendo alle domande che in parecchi si stanno facendo.

Proprio i focolai delle nuove varianti, uno dei quali riscontrato anche in Ticino, hanno indotto la Svizzera ad adottare misure severe e chiusure molto più ampie fino al 28 febbraio (tra le altre, quelle di ristoranti, bar e palestre, oltre che dei negozi non essenziali: leggi QUI).

Nel corso dell'intervista a Tio.ch
, Merlani aggiunge anche che «la mascherina chirurgica rimane la soluzione migliore quando non è possibile mantenere la distanza fisica» e soprattutto che «la mascherina FFP2 non è al momento consigliata alla popolazione perché risulta più difficile da indossare correttamente e, a differenza di quella chirurgica, rende la respirazione meno agevole». Il metro e mezzo di distanza sociale, secondo il medico cantonale, «non è da rivedere».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore