/ Cronaca

Cronaca | 08 gennaio 2021, 08:23

Scappano dai carabinieri: la fuga finisce con un tuffo nel torrente Lura

Due stranieri in auto non si sono fermati all'alt della pattuglia: inseguimento da Lainate a Caronno Pertusella. Uno dei due arrestato, l'altro si è dileguato

Scappano dai carabinieri: la fuga finisce con un tuffo nel torrente Lura

E’ stato arrestato dopo una lunga fuga, per chilometri, dall’Altomilanese al Saronnese, con tuffo finale nel torrente Lura: stiamo parlando di un 30enne originario del Marocco. Un suo amico è invece riuscito a dileguarsi.

Episodio decisamente movimentato, quello che ha impegnato i carabinieri nel pomeriggio dell’altro giorno: come riporta ilSaronno.it una pattuglia ha visto un’auto che era già stata notata in passato gironzolare in zona di spaccio di droga, e così è stato intimato l’alt. Si era alla periferia di Lainate: il veicolo, a bordo due persone, ha provato ad allontanarsi, ma è stato tallonato dai militari. Un inseguimento sino ad Origgio e poi a Caronno Pertusella. 

Nella zona industriale i due hanno mollato l’auto ed hanno provato a fare perdere le tracce entrando in un capannone dismesso. Ma visto che i carabinieri non mollavano la presa e li stavano seguendo anche lì, si sono allora buttati nel vicino torrente Lura.

Uno è riuscito a scappare ma l’altro è stato preso ed arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale visto che per non farsi prendere ha pure spintonato i tutori dell’ordine. Perché scappavano? Sull’auto abbandonata, e fra i vestiti del marocchino arrestato, non è stato trovato nulla di particolare, ed il diretto interessato non ha chiarito i motivi della fuga.

da IlSaronno.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore