Frontaliere Sicuro | 22 dicembre 2020, 00:01

Frontalieri e sanità: quando le prestazioni private diventano una necessità

Sempre più spesso questa categoria "speciale" deve rivolgersi a strutture private per poter usufruire dei servizi, affrontando costi alti. Per questo Frontaliere Sicuro ha studiato delle soluzioni ad hoc

Frontalieri e sanità: quando le prestazioni private diventano una necessità

Il diritto sanitario dei lavoratori frontalieri è uno dei nodi più spinosi di questa categoria “speciale”, che vive quotidianamente la situazione di essere a metà tra due Stati con regole e sistemi differenti.

Ma se durante la permanenza in territorio svizzero si dovesse avere una necessità medica? In questo caso, qualora la necessità fosse un’emergenza, ci si potrà recare presso un pronto soccorso svizzero presentando la tessera sanitaria italiana, senza alcun esborso di denaro; in caso  non si trattasse però di un evento ritenuto “grave”, il frontaliere resta assicurato presso la Mutua italiana e si deve dunque recare nel proprio Stato per potersi curare.

Le cure prodigate dallo stato italiano, d’altra parte, risultano spesso inefficaci e non tempestive, in quanto l’attesa per poter accedere ad esami diagnostici non “urgenti” può prolungarsi anche per mesi.

Altro fattore da considerare è il recupero delle spese sanitarie che, per la maggior parte dei lavoratori frontalieri, non viene concessa in quanto non contribuenti direttamente allo Stato italiano (sono infatti sottoposti all’imposta alla fonte in Svizzera).

Tutte queste considerazioni, portano sempre più spesso i frontalieri a doversi rivolgere a strutture private, come centri polispecialistici, studi dentistici, centri fisioterapici e riabilitativi e centri analisi, che permettano di ridurre di molto la tempistica di attesa seppur a fronte di una spesa più alta.

Si stima che ogni famiglia spenda oltre 1000 euro all’anno tra visite mediche, cure dentistiche e analisi di laboratorio, spese che incidono fortemente sul menage familiare.

Grazie all’abbonamento di Frontaliere Sicuro, una capillare rete di partner su tutto il territorio di Como e Varese fornisce tali prestazioni a prezzi scontati e con tariffe agevolate a tutti gli abbonati e, per gli abbonati "Premium", offre gratuitamente ben 7 prestazioni in ambito dentale e ortodontico.

Il costo dell’abbonamento parte da 9.90 chf al mese, e permette di accedere a moltissimi vantaggi in campo medico con i partner convenzionati tra i quali Synlab San Nicolò, Nuovo Centro Fisioterapico, Studio Kinesis Med, Ade Italia e moltissimi altri sconti in tantissime categorie di acquisto e di servizi.

Visitate il portale www.frontalieresicuro.com per scoprire quale abbonamento rispecchia le vostre necessità!

Frontaliere Sicuro

Leggi tutte le notizie di FRONTALIERE SICURO ›

Frontaliere Sicuro

Frontaliere Sicuro è il primo servizio dedicato al mondo del frontaliere che fornisce, ai lavoratori italiani in Svizzera, supporto per ogni esigenza e una corretta informazione in materia di fiscalità e previdenza.

Per farlo si avvale del sostegno di esperti professionisti che forniscono servizi di consulenza e assistenza frontalieri e che tra il 2018 e il 2019 hanno già effettuato un tour nei comuni di frontiera per un totale di circa 70 serate coinvolgendo attivamente circa 2000 frontalieri.

In questa rubrica, i fondatori di Frontaliere Sicuro condivideranno la loro esperienza e forniranno alcuni consigli sulle principali tematiche che interessano i lavoratori italiani occupati in Svizzera.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore