/ Sport

Sport | 29 novembre 2020, 18:07

Alla Pro Patria manca il gol: è 0-0 con il Grosseto. L'emozione più grande è l'omaggio a Maradona

Il sortilegio dello Speroni non si rompe: con gli spalti vuoti manca la vittoria. Le due emozioni più grandi sono il minuto di silenzio in ricordo del "Pibe" e il saluto dei giocatori a un drappello di tifosi arrampicatisi sul gabbiotto

Alla Pro Patria manca il gol: è 0-0 con il Grosseto. L'emozione più grande è l'omaggio a Maradona

Una partita senza troppi sussulti, quella dei tigrotti contro il Grosseto, finita a porte inviolate. Le due emozioni principali non riguardano le azioni in campo. La prima, che precede il fischio di inizio, è il minuto di silenzio in memoria di Diego Maradona.

L’altro segnale che si offre alla vista: un gruppetto di tifosi che festeggia l’avvio della zona arancione arrampicandosi sul gabbiotto, tradizionale “rifugio” sopraelevato per gustare scorci di partita in occasione delle porte chiuse.  I giocatori biancoblù alla fine andranno proprio verso di loro in campo per un reciproco saluto: è l’immagine più suggestiva che ci si porta a casa da questo match.

A voler essere romantici, è come se recentemente i tigrotti non riuscissero a strappare la vittoria con gli spalti vuoti allo Speroni. Un sortilegio solo in parte spezzato oggi da questo “drappello esterno”, almeno un punto c’è stato.

Fatto sta che a Pontedera la Pro Patria ha saputo compiere il suo blitz, mentre in casa è parsa più sperduta, anche contro un avversario gestibilissimo come il Grosseto: ha creato le occasioni e altrettanto puntualmente le ha dissolte.

E dire che i primissimi minuti vedono bagliori interessanti, a partire da un diagonale di Latte Lath al 5’ che finisce a lato della porta. Fino alla prima mezz’ora, soprattutto grazie al lavoro di Kolaj, Lombardoni e Latte Lath la Pro sembra essere predestinata al gol. Ma così non avviene e intanto arriva la prima reazione del Grosseto con Raimo, che peraltro non impensierisce Greco.

I tigrotti restano comunque più protagonisti, con il “regista” Fietta. Nel secondo tempo, però, si placano gradualmente nell’efficacia offensiva anche se i toscani non fanno mai tremare davvero: la partita si spegne a poco a poco.

Segno di vivacità invece pervenuto dalle tribune: l’allenatore del Grosseto Magrini, squalificato, che scalpita e commenta ad alto volume (tanto più considerando gli spalti vuoti e quindi silenziosi) bacchettando anche i suoi.

L’allenatore Javorcic alla fine fa i complimenti ai suoi ragazzi e dice che hanno creato tante occasioni, la strada è questa. Manca un centimetro per strappare il sortilegio dello Speroni. Intanto domenica prossima ad Alessandria per sfidare la Juventus 23.

 

 

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore