/ Territorio

Territorio | 21 novembre 2020, 12:58

Coronavirus, nove decessi alla casa di riposo di Ispra e 37 casi positivi

«Siamo vicini a tutte le famiglie in questo momento di grande dolore» afferma la sindaco Melissa De Santis. Stabile in paese il numero dei contagi che è di 83 persone, mentre è salita a 62 la quota dei guariti.

Coronavirus, nove decessi alla casa di riposo di Ispra e 37 casi positivi

Notizie altalenanti sul fronte dell'emergenza Coronavirus arrivano da Ispra dove il numero di cittadini contagiati è stabile a 83 e quello dei guariti è salito a 62, ma dove si registrano 37 casi positivi alla casa di riposo e ben nove decessi. 

Ad aggiornare i cittadini la sindaco Melissa De Santis. «Cari concittadini, apro l'aggiornamento di questa settimana con le buone notizie; il numero dei nostri concittadini che ad oggi risultano essere guariti dal COVID-19 è salito a 62. Resta invece pressoché stabile il numero dei nostri concittadini positivi che sono al momento 83. Purtroppo, dobbiamo darvi notizia di un ulteriore decesso mentre la situazione all'interno della RSA fa registrare 37 casi positivi e 9 pazienti deceduti. Siamo vicini a tutti le famiglie in questo momento di grande dolore. Un aggiornamento dal mondo dei più piccoli: sia la scuola materna sia l'asilo nido svolgono le proprie lezioni regolarmente e con grande impegno stanno mantenendo inalterato il servizio nei confronti delle famiglie. Tutte le classi della scuola elementare e della scuola media hanno ripreso regolarmente le lezioni in presenza. Ricordo a tutti che, qualora siate impossibilitati a muovervi da casa, sono attivi i servizi di consegna spesa e farmaci a domicilio: è sufficiente contattare i servizi sociali al numero 0332/7833500.Vi ricordo anche che è stata prorogata fino al 3 dicembre l’ordinanza del Ministero della Salute che colloca la nostra regione in area rossa. Ringrazio tutti i cittadini che, consapevoli del ritardo con cui possono giungere a noi le informazioni da parte di ATS, ci contattano direttamente informandoci immediatamente dell'esito del proprio tampone. Questo ci consente una gestione tempestiva della situazione. Rinnovo a tutti le raccomandazioni principali. Evitiamo ogni tipo di contatto sociale non indispensabile e prendiamo, anche in famiglia, tutte le precauzioni necessarie: indossiamo sempre la mascherina, disinfettiamo spesso le mani e manteniamo le distanze (fisiche). Proteggiamo noi stessi per proteggere le persone che ci circondano e tutta la nostra comunità. Unicamente la prevenzione può evitare il peggio». 

M. Fon.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore