/ Scuola e ricerca

Scuola e ricerca | 12 settembre 2020, 10:30

Paura del Covid a scuola e i genitori riscoprono l'educazione parentale

L'istruzione è obbligatoria, ma non la scuola e così i genitori si improvvisano insegnanti, trasformano il salotto in un'aula. E per chi non vuole rinunciare a un minimo di socializzazione, sono attivi diversi gruppi di scuole parentali

Paura del Covid a scuola e i genitori riscoprono l'educazione parentale

Si chiama educazione parentale, ma oggi è meglio conosciuta come homeschooling e non è altro che un percorso di studi che i bambini (ma si può fare per tutto il ciclo di studi, fino all'università) seguono a casa per poi presentarsi agli esami, da privatisti, che si tengono al termine di ogni anno scolastico. Prove per misurare il livello di preparazione e funzionali ad un reinserimento a scuola che può comunque avvenire in qualsiasi momento.

E' una possibilità che esiste da sempre, anche se poco praticata se non per problemi di salute, ma che in questo momento storico, segnato dall'epidemia di Coronavirus, molti genitori stanno prendendo in considerazione. La paura che i figli possano essere contagiati, o che portino a casa il virus, sta infatti spingendo i genitori, che si sono messi alla prova durante la quarantena, a continuare su questa strada.

Senza il supporto degli insegnanti però e senza videolezioni: tutta la responsabilità della didattica è sulle spalle delle famiglie. Un apprendimento “fai da te” «che però non può sostituire in alcun modo la scuola, che non è solo didattica, ma anche socializzazione – sottolinea l'assessore ai Servizi educati del comune di Varese, Rosella Dimaggio – Il senso, e il bello della scuola, è anche la convivenza con altri bambini, che avviene nelle nostre scuole in tutta sicurezza. Abbiamo lavorato tanto per garantire il rispetto di tutte le disposizioni anti contagio e i genitori possono stare tranquilli».

E' importante infatti non confondere la didattica parentale con le scuole parentali, che sono piccoli gruppi di studio tra amichetti “selezionati”. Sono già attive diverse scuole parentali a Varese, e chi sceglie questo tipo di percorso educativo per i figli, tendenzialmente lo fa perché predilige una didattica più pratica che teorica.

Non pensiate però che sia così semplice tenere a casa i bambini da scuola, perché le procedure di attivazione dell'homeschooling sono abbastanza complesse: oltre alla richiesta, bisogna per esempio inoltrare alla scuola un programma di studio che rispetti le linee guida nazionale del Miur.

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore