/ Salute

Salute | 29 agosto 2020, 17:52

Lorenzo, tampone negativo dopo 5 giorni di attesa. Ats: «Possibili rallentamenti fino a 96 ore per l'elevato numero di esami richiesti da chi rientra dai Paesi a rischio»

Nota dell'azienda di tutela della salute dopo l'esperienza di Lorenzo che vi abbiamo raccontato oggi: «L'elevato numero di tamponi eseguiti sui passeggeri in rientro da Spagna, Grecia, Croazia e Malta potrebbe causare rallentamenti nella comunicazione dei referti fino a 96 ore. Chi ha necessità urgenti può rivolgersi ad altra struttura»

Lorenzo, tampone negativo dopo 5 giorni di attesa. Ats: «Possibili rallentamenti fino a 96 ore per l'elevato numero di esami richiesti da chi rientra dai Paesi a rischio»

Vi abbiamo raccontato questa mattina la storia di Lorenzo, che lunedì ha effettuato il tampone a Malpensa dopo aver passato un periodo in Andalusia accanto agli affetti più cari (leggi QUI, QUI e QUI). Dopo cinque giorni di isolamento fiduciario non obbligatorio, ma a cui Lorenzo ha deciso di sottostare per senso di responsabilità e per evitare ogni rischio alle persone a lui vicine, in giornata ha finalmente ricevuto l'esito del tampone, che è negativo e che avrebbe dovuto arrivare entro 48 ore, secondo quanto comunicato in precedenza ai cittadini della Lombardia in rientro dai Paesi a rischio.

Nel pomeriggio è arrivata in redazione una nota di Ats in cui si spiega che «l'elevato numero di tamponi eseguiti in questi giorni sui passeggeri in rientro da Malta, Grecia, Spagna e Croazia, potrebbe causare un rallentamento nella comunicazione dei referti fino a 96 ore. Chi avesse necessità urgenti può rivolgersi ad altra struttura/laboratorio».

Ecco la nota di Ats Insubria. 

«L'elevato numero di tamponi eseguiti in questi giorni e in programma nel fine settimana, in Lombardia, sui passeggeri in rientro da Malta, Grecia, Spagna e Croazia, come da ordinanza del Ministero della Salute del 12/8/2020, potrebbe causare un rallentamento nella comunicazione dei referti fino a 96 ore.

La situazione si normalizzerà nei primi giorni della prossima settimana, rientrando nello standard consolidato di 48 ore.

Chi avesse necessità urgenti può rivolgersi ad altra struttura/laboratorio, come previsto dalla normativa».

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore