/ Cronaca

Cronaca | 10 agosto 2020, 11:21

Porto Valtravaglia: i carabinieri intervengono per un diverbio e scoprono un ricercato

I militari della stazione di Castelveccana hanno arrestato un cinquantenne straniero, irreperibile da tempo, colpito da un ordine di carcerazione per spaccio.

Porto Valtravaglia: i carabinieri intervengono per un diverbio e scoprono un ricercato

I carabinieri della stazione di Castelveccana, questa notte, hanno arrestato un cinquantenne originario dell'ex Jugoslavia perché colpito da un ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Reggio Emilia.

Si tratta di un operaio che da tempo ridiede in Svizzera per lavoro e che si trovava presso un’abitazione di Porto Valtravaglia assieme alla sua famiglia. Inizialmente i militari erano intervenuti in quell’abitazione attorno all’1.30 di notte per un diverbio domestico al quale era seguita una chiamata al 112 per far intervenire i carabinieri.

Riportata la calma tra i protagonisti del litigio, gli uomini dell'Arma, dopo aver consultato la banca dati, hanno accertato che sul conto dell’uomo pendeva un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Reggio-Emilia per fatti che risalgono al 2011. Allora era infatti stato arrestato in flagranza di reato per spaccio di stupefacenti da parte dei carabinieri della stazione di Reggio Emilia perché trovato in possesso di 15 grammi di cocaina ed un bilancino.

Dopo la condanna per patteggiamento ad un anno di reclusione, la procura della Repubblica del Tribunale emiliano nel 2018 aveva emesso nei suoi confronti un provvedimento di carcerazione dovendo scontare la pena residua di 5 mesi di reclusione, ma lui si era reso irreperibile in Svizzera. Dopo le procedure di rito, l'uomo è stato accompagnato alla casa circondariale Miogni di Varese.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore