Elezioni comune di Varese

 / Territorio

Territorio | 26 luglio 2020, 15:29

Tuffi sconsigliati, niente bagni nei fiumi: le indicazioni di Ats Insubria per chi si rinfresca sui nostri laghi e i corsi d'acqua

Ecco la guida di Ats Insubria per i bagni in sicurezza in provincia di Varese e Como. Si possono anche verificare i dati sulla qualità dell'acqua dei bacini lacustri

Tuffi sconsigliati, niente bagni nei fiumi: le indicazioni di Ats Insubria per chi si rinfresca sui nostri laghi e i corsi d'acqua

La bella stagione e le alte temperature rappresentano un connubio ideale per spingerci a un bagno nella natura del nostro territorio ricco di bacini lacustri e corsi d’acqua.

Le acque sono costantemente monitorate ai fini della sicurezza dei bagnanti, i dati sulla qualità dell’acqua possono essere verificati nell’area dedicata presente sul sito di ATS Insubria (clicca e leggi QUI).

Bagni e tuffi nei laghi

Anche le acque del lago potrebbero nascondere pericoli non indifferenti e per questo «invitiamo i bagnanti a fare il bagno solo se sanno nuotare bene e sono ben allenati - consigliano dal Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria di ATS Insubria -. E' indispensabile precisare che sconsigliamo i tuffi, soprattutto dopo una lunga esposizione al sole, o comunque se si è troppo sudati: tuffarsi infatti può provocare choc termici o anche crampi muscolari, meno pericolosi, ma pur sempre fastidiosi. Sconsigliamo, inoltre e per ovvi motivi, di tuffarsi in acque torbide o sconosciute».

Divieto di balneazione nei fiumi

È fondamentale ricordare che i fiumi più dei laghi nascondono parecchie insidie per la sicurezza del bagnante ma, a monte, è indispensabile ricordare che i fiumi sul nostro territorio non sono balneabili.

È inoltre bene rammentare che il fiume rappresenta un ambiente pericoloso a causa di fattori come la temperatura dell'acqua, che si differenzia fortemente da quella del nostro corpo, per cui si sconsiglia di entrare nei fiumi, anche solo per rinfrescarsi, per evitare eccessivi sbalzi termici e per scongiurare episodi di ipotermia o altri traumi, causati dall’escursione termica, che potrebbero provocare anche l’annegamento.

Ricordando poi che è essenziale controllare sempre i bambini quando sono vicino all’acqua, si rammenta che «gli oggetti gonfiabili, come i materassini, non devono essere usati in acque profonde, in quanto non danno alcuna sicurezza».

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore