/ Cronaca

Cronaca | 15 luglio 2020, 09:05

Laveno, ancora bivacchi al Gaggetto: arrivano i carabinieri e fanno ripulire il parco dai rifiuti

Ieri sera gli uomini dell'Arma sono intervenuti e hanno consegnato sacchetti della spazzatura ai giovani che sostavano nell'area, facendolo loro raccogliere bottiglie, cartacce e avanzi di cibo abbandonati a terra

Laveno, ancora bivacchi al Gaggetto: arrivano i carabinieri e fanno ripulire il parco dai rifiuti

Bivacchi e rifiuti abbandonati al Gaggetto di Laveno Mombello, intervengono i carabinieri e fanno ripulire il parco. Nella serata di ieri, i carabinieri della stazione di Laveno Mombello, durante il servizio di pattuglia nel centro cittadino, hanno proceduto al controllo di alcune persone che bivaccavano nell’area verde del Gaggetto, luogo molto frequentato, soprattutto da giovani che passano il loro tempo nella vicina spiaggia.

Infatti tra il parcheggio che serve la stazione ferroviaria e il lungolago c'è un’area di verde pubblico molto apprezzata dai cittadini ma che molto spesso diventa ritrovo di persone che stazione incurante delle regole basilari di civile convivenza. Spesso infatti vengono abbandonati rifiuti. La situazione aveva anche spinto nei giorni scorsi il sindaco a firmare un'ordinanza anti bivacco e a imporre lo stop della vendita di alcolici dalle 23 (leggi QUI).

I militari, al loro arrivo, hanno notato rifiuti di ogni genere intorno alle aiuole come bottiglie e lattine di birra, oltre che avanzi di cibo e spazzatura varia. Per questo si sono muniti di sacchi per l’immondizia e li hanno consegnati ai giovani, che hanno così dovuto raccogliere tutto lo sporco a terra e portarlo nei cassonetti.

L’area in questione è sempre considerata un obiettivo importante da controllare, sia perché si trova nei pressi della stazione ferroviaria sia perché, con la bella stagione, molte persone scelgono quel luogo vicino al lago per passare un po’ di ore in relax.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore