/ Cronaca

Cronaca | 14 luglio 2020, 13:01

Spaccio al Parco Pineta: blitz dei carabinieri, due arresti e quattro ricercati

L'operazione dei carabinieri della Compagnia di Saronno e della Tenenza di Tradate è scattata nella notte. I boschi tra Tradate, Venegono Inferiore e Venegono Superiore erano stati trasformati in piazze di spaccio. La banda usava vedette e guadagnava mille euro al giorno: venivano pagati anche in gioielli (FOTO e VIDEO)

Spaccio al Parco Pineta: blitz dei carabinieri, due arresti e quattro ricercati

Duro colpo allo spaccio nei boschi del Parco Pineta. I carabinieri della Compagnia di Saronno, con il supporto dei militari dei comandi Provinciali di Varese, Bergamo e Lecco e delle unità cinofile di Casatenovo, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Varese, su richiesta della Procura della Repubblica di quel capoluogo, nei confronti di un gruppo criminale responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti all’interno del Parco Pineta in una vasta zona boschiva compresa tra i comuni di Tradate, Venegono Inferiore, Venegono Superiore.

L’indagine, avviata dai carabinieri della Tenenza di Tradate nel febbraio 2019, è la risposta concreta alle richieste di maggiore sicurezza da parte dei sindaci comuni interessati e si affianca all’attività di prevenzione che continuamente viene posta in essere dalle Forze di Polizia. 

Il gruppo, composto da due cittadini italiani e quattro di origini marocchine, si muoveva all’interno dell’area, fornendo dosi agli assuntori in prossimità di punti d’incontro che in gergo erano definiti “la sbarra” e “cartello 50”, lungo le vie che da Tradate vanno per Castelnuovo Bozzente e per Appiano Gentile. Le indagini, condotte anche attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali, hanno documentato numerosi episodi di spaccio di cocaina (cripticamente definita “latte” o “bianca” o “bella”), eroina (“caffè” o “nera” o “brutta”) e hashish (“satla”). 

Il modus operandi era sempre lo stesso: l’acquirente chiamava sul telefono cellulare gli spacciatori, che erano accampati all’interno del bosco, con i quali si incontravano in prossimità del ciglio della carreggiata, dove avveniva la consegna delle dosi. Gli investigatori, durante l’attività d’indagine, hanno identificato 91 acquirenti, alcuni dei quali ormai abituali, sequestrando centinaia di dosi di cocaina, eroina e hashish. In una delle tante incursioni fatte nei boschi dai carabinieri, è stato sequestrato anche un chilogrammo di hashish.

Il gruppo di spacciatori, capeggiato da un marocchino che disponeva di tre altri suoi connazionali per il confezionamento, la ricezione degli ordini e la distribuzione della droga, si componeva anche di due italiani con funzioni di “vedetta”, che in caso di acceso da parte delle forze dell’ordine nell’area, allertavano i complici, lasciandosi poi identificare come se fossero frequentatori del parco.

Dalle osservazioni fatte dai carabinieri è stato constatato anche che alcuni dei nord-africani passavano lunghi periodi nei boschi, tanto da richiedere ai loro clienti la fornitura di cibo, acqua, sigarette, alcolici e in un caso addirittura di contraccettivi. L’identificazione degli indagati è avvenuta anche attraverso il riconoscimento fotografico che volta per volta facevano gli acquirenti quando successivamente venivano sentiti dagli investigatori.

Oltre agli arresti, è stata anche eseguita la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Varese nei confronti di una donna di origini marocchine, ritenuta anche lei responsabile - in concorso - del reato di spaccio (oltre a fornire supporto logistico preparando da mangiare agli uomini del gruppo, in alcuni casi si occupava personalmente della consegna di piccole dosi di stupefacente). 

Il corrispettivo con cui veniva pagata la droga non era solo denaro. Tra gli oggetti sequestrati nei vari servizi organizzati dai carabinieri c'erano anche orologi, gioielli e navigatori. Gli incassi ammontavano a circa mille euro al giorno.

Durante l’operazione di questa notte, i due italiani sono stati localizzati l’uno presso la propria abitazione e l’altro presso una comunità di recupero e condotti in carcere. I quattro marocchini, invece, irregolari e di fatto senza fissa dimora, avevano già abbandonato il Parco Pineta a seguito dei continui controlli preventivi messi in atto dalle Forze di Polizia e sono attivamente ricercati sul territorio nazionale, in attesa che il provvedimento venga internazionalizzato e possano essere arrestati anche se rintracciati all’estero. 

Durante il blitz effettuato dai carabinieri nella notte sono stati comunque trovati i giacigli che gli spacciatori utilizzavano per accamparsi nella località boschiva e due machete, opportunamente occultati e presumibilmente abbandonati in occasione di una delle precedenti incursioni dei militari dell’Arma.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore