Territorio | 15 aprile 2020, 09:27

LA STORIA. Il giovane liutaio di Gavirate Paolo Bianchi inventore di un nuovo strumento musicale

Per lanciare il suo brand "Waiz", Paolo grande appassionato di musica e scultura, ideatore del banjolele, un ibrido tra ukulele e banjo, ha lanciato una campagna di crowdfunding che se avrà successo gli darà la possibilità di avviare la sua attività di liutaio.

LA STORIA. Il giovane liutaio di Gavirate Paolo Bianchi inventore di un nuovo strumento musicale

Sarà aperta fino al 25 aprile la campagna di crowdfunding su Kickstarter ideata da Paolo Bianchi, liutaio di 24 anni di Gavirate, per lanciare il suo brand “ Waiz”. Paolo, grande appassionato di musica e scultura, ha frequentato la Scuola di Liuteria del Comune di Milano e nel 2018 ha progettato e costruito un innovativo modello di banjolele, uno strumento musicale ibrido tra l’ukulele e il banjo, caratterizzato da un suono potente ma molto dolce.

«Ho pensato di rendere questo strumento particolare protagonista della mia campagna di crowdfunding perché credo che sia unico nel suo genere, efficiente, resistente, comodo da trasportare e accessibile a chiunque – spiega Paolo - infatti, ho potuto sperimentare diversi materiali e ho ottimizzato i tempi di alcune lavorazioni per poterlo rendere più accessibile, nonostante gli strumenti musicali di liuteria abbiano prezzi solitamente molto elevati».

Grazie alla campagna su Kickstarter, Paolo ha già ricevuto  ordinazioni non sono dall’Italia, ma anche da Stati Uniti, Giappone, Francia e Germania. Se riuscirà a raggiungere il suo  obiettivo di 10 mila euro, potrà avviare la sua attività di liutaio con il brand “Waiz”, con il desiderio di rendere un giorno i banjolele famosi in tutto il mondo e progettare anche una propria linea di chitarre acustiche e classiche.

«La scelta di avviare il progetto nonostante il momento di emergenza non è stata semplice - conclude Paolo - ma ho deciso di farlo lo stesso perché penso che anche questa possa essere una piccola battaglia. Voglio portare avanti il mio progetto di artigianato, sperando che possa entrare presto nelle case delle persone e portare un po’ di allegria in un momento così difficile».

Redazione

Leggi tutte le notizie di LE RICETTE DI NONNA PAPERA ›

Sara Gandini

Varesina, manager di un team di UX design per professione e pasticciera per passione. Ha partecipato alla settima edizione di Bake Off Italia, emozionando il pubblico con il suo sorriso e la sua educazione.

I suoi grandi amori sono Andrea, con cui divide la vita da 14 anni, e i suoi nipoti Rebecca, Giulia, Federica e Giacomo. Il suo sogno, come ci ha raccontato in una bellissima intervista, è diventare... Nonna Papera, aprendo un giorno la sua sala da tè o un servizio di cucina a domicilio.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore