/ Cronaca

Cronaca | 21 settembre 2019, 11:38

Scopre i ladri in casa e tenta di fermarli: calci e pugni per difendere i gioielli

I carabinieri di Gallarate hanno sventato il furto, recuperato la refurtiva e arrestato uno dei due ladri, un ragazzo serbo. Ora è caccia al complice.

Scopre i ladri in casa e tenta di fermarli: calci e pugni per difendere i gioielli

Se l’è vista brutta il proprietario di una casa nel quartiere di Arnate, a Gallarate, che rincasando nella tarda serata di ieri, venerdì 20 settembre, ha sorpreso i ladri in flagrante. Dopo aver chiamato i soccorsi, l’uomo ha tentato di bloccare i due malviventi che avevano già messo a soqquadro l’abitazione e stavano fuggendo con la refurtiva. 

Un atto che ha provocato la violenta reazione dei due ladri, che lo hanno aggredito con calci, pugni e minacciato di morte con un coltello. Solo l’arrivo dei carabinieri ha impedito il peggio. I malviventi sono stati costretti a scappare, inseguiti dai militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Gallarate.

Durante la fuga uno dei due ladri, identificato poi come un ragazzo di nazionalità serba senza documenti, è rimasto bloccato tra le sbarre del cancello mentre tentava di scavalcarlo. Bloccato dai carabinieri, è stato portato in carcere dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di celebrare l’udienza di convalida davanti al Giudice del Tribunale di Busto Arsizio, al quale dovrà rispondere dei reati di furto aggravato in abitazione, minaccia e rapina aggravata.

L’intero bottino messo a segno dai ladri è stato recuperato dai militari dell’Arma e prontamente restituito alla vittima. Sono tuttora in corso serrate indagini per individuare il complice del furto.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore