/ Economia

Economia | 11 luglio 2019, 07:00

Notizie eSports: I giochi mentali e la strategia incontrano il tiro competitivo

Il nuovo sparatutto tattico creato dai cervelli dietro League of Legends è l'ultimo sfidante di Fortnite.

Notizie eSports: I giochi mentali e la strategia incontrano il tiro competitivo

Se desideri più di una gratificazione fugace da un gioco multiplayer, non guardare oltre questo sparatutto competitivo profondamente tattico dalle menti dietro League of Legends.

Questo tipo di Esports ha sempre più fan e anche sempre più scommettitori, come dimostrato dagli articoli sulle scommesse eSports nelle recensioni di 1betasia. Ma non si tratta solo di scommesse e tifosi, c'è qualcosa di più importante: i giochi.

Valorant, il nuovo gioco di punta Riot, impara dalle sue ovvie ispirazioni Counter-Strike e Overwatch , ma va oltre con sparatorie mirate e abilità entusiasmanti, chiedendoti di svelare la squadra avversaria con il tuo ingegno collettivo e i riflessi pronti.

Al posto della lurida tavolozza di colori neon di Fortnite c'è un'estetica riservata e sofisticata con personaggi e mappe distintivi.

Due squadre di cinque si affrontano in una serie di mappe finemente sintonizzate, scambiando abilità e sbirciando dietro gli angoli con armi che premiano il fuoco accurato rispetto allo spray e alla preghiera.

Ogni partita inizia con una fase di acquisto in cui i giocatori devono acquistare armi con una quantità limitata di valuta di gioco.

Questa mini-economia dà a ogni giocatore la responsabilità delle prospettive della squadra: se muori per 30 secondi in un round impugnando un costoso fucile d'assalto, la tua squadra sarà fuori di tasca quando inizierà la prossima fase di acquisto.

La bellezza di Valorant è che i perdenti possono sempre avere la meglio.

I round possono essere vinti con armi economiche e le squadre che comunicano bene prospereranno.

Un giocatore potrebbe contrassegnare un nemico con un dardo tracciante in modo che un altro compagno di squadra più aggressivo possa usare proiettili penetranti per eliminare l'ultimo avversario con un colpo alla testa attraverso una fragile cassa di legno.

Niente è più gratificante di questi momenti di gioco di squadra vincenti.

Degli 11 agenti attualmente in gioco, Cypher è il mio preferito.

È un eroe armato di telecamera con cui trascorro la maggior parte del mio tempo a fornire informazioni preziose ai miei compagni di squadra, impostando fastidiosi cavi elettrici e offuscando la visione dei nemici che fiancheggiano in modo da poter proteggere un sito bomba catturato.

Altri eroi includono Sage, un medico che può evocare muri per fermare un assalto nemico, o Reyna, che diventa più pericolosa accumulando punti quanto più uccide.

Gli agenti più letali sono ad alto rischio e alta ricompensa ed esemplificano lo stato attraente di flusso competitivo offerto dalle partite Valorant.

Quello che amo di Valorant è che porta giochi mentali e strategia nello sparatutto di eroi, spostando l'esperienza lontano dal più frenetico e meno cerebrale schiacciamento dei pulsanti di altri sparatutto a squadre come Overwatch.

Ogni round sembra un brivido psicologico: quando sei l'ultimo agente sopravvissuto della tua squadra, nascondendo il rumore dei tuoi passi per insinuarsi in una base nemica ben difesa e conquistarla, sembra più Resident Evil che Counter- Strike.

Sfortunatamente, le mele marce tra i giocatori di Valorant si aspettano un assurdo livello di perfezione, e la conseguente critica della chat vocale è difficilmente costruttiva.

Anche la mancanza di un retroscena interessante per contestualizzare le riprese è deludente: i personaggi sono sempre pronti con una battuta, ma, a parte questo, non c'è sostanza nella loro personalità. Q

uesto merita attenzione se Riot Games intende mantenere i giocatori interessati all'aggiunta di nuovi eroi e mappe.

Valorant ha già conquistato molte star di eSport e live-streaming e i loro milioni di fan adolescenti.

Se può fare ciò che hanno fatto Fortnite e Overwatch e portare anche più giocatori occasionali, ne parleremo negli anni a venire.

Richy Garino

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore