/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 25 marzo 2020, 21:50

Bando per l’ex Caserma. Clerici, Pinti e Longhini: «Le priorità in questo momento sono altre»

L’opposizione chiede che venga convocato al più presto un consiglio comunale online perché l’amministrazione condivida le decisioni che sta prendendo sulla gestione dell’emergenza Covid-19 e sul futuro della città

Bando per l’ex Caserma. Clerici, Pinti e Longhini: «Le priorità in questo momento sono altre»

La decisione di Palazzo Estense di pubblicare il bando per la riqualificazione dell’ex Caserma Garibaldi in piena emergenza sanitaria non è stata accolta benissimo dai consiglieri di opposizione. Si tratta di una gara da 10 milioni di euro (leggi qui) e di un progetto importante per il futuro della città che i consiglieri di Varese Ideale, Lega e Forza Italia avrebbero voluto fosse condiviso, magari posticipato a tempi migliori, «o che almeno si fosse spiegata la ragione di un bando surreale e di una scelta che fatichiamo a comprendere», dice Marco Pinti (Lega).

«Sono sconvolto dall'atteggiamento del sindaco Galimberti – dice a ruota Stefano Clerici di Varese Ideale - Oltre a non convocare il consiglio comunale da 2 mesi, lasciando tutti all'oscuro su quanto sta facendo per l'emergenza Coronavirus, sceglie il momento peggiore per emanare il bando per la riqualificazione della Caserma Garibaldi».

I dubbi sono sul buon esito della gara, data la chiusura della Lombardia e dell’intero Paese. E non solo. «Capisco che l'esigenza del PD sia quella di far partire almeno un cantiere prima delle elezioni del 2021 e dimostrare che qualcosa (seppur confusa) si sia fatta – continua Clerici -, ma questa totale assenza di trasparenza è scorretta e irrispettosa delle istituzioni e soprattutto dei cittadini e dei loro soldi».

I consiglieri chiedono quindi la convocazione urgente di un consiglio comunale online in videoconferenza, come già fatto in altri comuni avvalendosi di piattaforme certificate e indicate anche da Anci. «O che si convochino almeno i capigruppo per decidere cosa fare – aggiungono – Il consiglio comunale ha il diritto di essere informato».

Una spiegazione ci sarà sicuramente e i consiglieri vorrebbero conoscerla e vorrebbero anche capire come l’amministrazione ha intenzione di gestire l’emergenza Coronavirus: «Che in questo momento è la priorità assoluta» aggiunge Simone Longhin (Forza Italia).

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore