/ Cronaca

Cronaca | 05 gennaio 2020, 09:04

Immane tragedia in Alto Adige: un'auto falcia un gruppo di ragazzi. Sei morti e undici feriti

Poco dopo l'una di notte a Lutago, in Valle Aurina, un'auto è piombata su un gruppo di giovani accanto a un pullman turistico: sei di loro, tutti di nazionalità tedesca, sono morti sul colpo. Undici i feriti, alcuni in gravissime condizioni. Sul posto un centinaio di soccorritori

Un centinaio i soccorritori giunti sul posto della tragedia a Lutago, in Alto Adige (foto tratte dalla pagina Facebook dei Vigili del Fuoco dell'Alto Adige e della Croce Rossa Italiana di Bolzano)

Un centinaio i soccorritori giunti sul posto della tragedia a Lutago, in Alto Adige (foto tratte dalla pagina Facebook dei Vigili del Fuoco dell'Alto Adige e della Croce Rossa Italiana di Bolzano)

Un'immane, terribile tragedia è avvenuta in Alto Adige la scorsa notte, poco dopo l'una, quando sei ragazzi tedeschi sono morti dopo essere stati falciati da un'auto.

A darne notizia questa mattina è stato "Il Dolomiti", giornale online di Trento e del Trentino Alto Adige: a Lutago, villaggio di montagna del comune di Valle Aurina, che fa parte della Val Pusteria e della Valle di Tures, un gruppo di ragazzi che si trovava a piedi in strada e che probabilmente stava risalendo su un bus turistico dopo aver passato la serata in un locale, è stato centrato da un'auto. Sei di loro, secondo quanto scrive Il Dolomiti tutti di nazionalità tedesca, sono morti sul colpo mentre altri undici sono rimasti feriti, alcuni - tra cui una donna - in modo gravissimo

Immediati i soccorsi, con l'arrivo di un centinaio di uomini, molte ambulanze, vigili del fuoco e forze dell'ordine. Si sta ricostruendo la dinamica di quanto accaduto e l'automobilista alla guida dell'auto sarebbe un uomo del posto con meno di trent'anni. Secondo prime indiscrezioni, come riportano alcune testate nazionali, il giovane sarebbe risultato positivo all'alcol test.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore