/ Cronaca

Cerca nel web

Cronaca | 29 novembre 2019, 11:03

Spaccio alla fermata del bus degli studenti tra Busto e Samarate, blitz dei carabinieri

I militari da tempo tenevano d'occhio una fermata nei pressi della quale i giovani clienti si rifornivano di hashish e marijuana. Questa mattina i controlli: quattro persone trovate con la droga

Spaccio alla fermata del bus degli studenti tra Busto e Samarate, blitz dei carabinieri

Spaccio alla fermata del bus: scattano i controlli dei carabinieri. Nel corso dei sempre più frequenti servizi di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti in prossimità degli istituti scolastici i carabinieri di Busto Arsizio avevano notato che molti degli studenti trovati in possesso di piccole dosi di stupefacente arrivavano in classe già in possesso della droga, necessaria a fabbricarsi la “canna”.

Per questo motivo i militari hanno tentato di ricostruire il “passaggio” dello stupefacente utilizzato dagli studenti e si sono concentrati su una fermata dell’autobus tra i comuni di Samarate e quello di Busto Arsizio, in una zona vicino ai boschi. Qui le pattuglie hanno notato un frequente andirivieni dalla fermata alla prima “fascia” della zona boschiva, dove evidentemente il pusher di turno, già di prima mattina, era solito rifornire i propri clienti.

E così questa mattina, tra le 7 e le 9 circa, i carabinieri sono entrati in azione e hanno eseguito una serie di controlli mirati: sin dalle prime luci dell’alba militari in borghese, mischiati tra studenti e altri utenti degli autobus di linea, e altri militari in uniforme hanno presidiato l’intera area. Nel corso del blitz sono state bloccate quattro persone trovate in possesso di sostanza stupefacente e segnalati, quali abituali assuntori, all'autorità amministrativa.

Si tratta di due studenti, 18 e 19 anni, trovati in possesso rispettivamente di un involucro contenente marijuana del peso complessivo 0,33 grammi e di un involucro sempre con marijuana del peso complessivo 1,52 grammi. Gli altri due bloccati dai carabinieri sono invece due trentenni, trovati in possesso rispettivamente di un involucro contente 1,1 grammi di hashish e un involucro con 0,63 grammi di marijauna.

A termine dei controlli i carabinieri hanno identificato anche il presunto pusher, un giovanissimo nordafricano, uscito dal bosco senza stupefacente, ma nei cui confronti sono in corso approfondite verifiche. Nel corso servizio sono stati complessivamente identificati 26 soggetti e controllati sei veicoli, di cui quattro scooter di studenti.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore