Biancorossi nel mondo | 28 novembre 2019, 12:00

Simone Piccioni da Fano: «Amo il basket grazie alla DiVarese e a due grandi maestri: Pino Pinelli e Gianni Chiapparo»

Terza puntata della rubrica realizzata in collaborazione da VareseNoi con "il Basket Siamo Noi”

Simone insieme alla compagna Martina

Simone insieme alla compagna Martina

Prosegue il nostro viaggio alla ricerca dei tifosi della Pallacanestro Varese, leggenda del basket italiano, europeo, mondiale: ovunque cercherete, ne troverete uno. Così è nata l’idea che, insieme a “Il Basket Siamo Noi”, vi proponiamo in questa rubrica dal nome “Biancorossi nel mondo”. Conosceremo la vita lontana da qui, i ricordi più belli, i pensieri e le speranze sul presente e sul futuro ogni volta di un tifoso diverso.

La terza tappa ci porta in territorio italiano: siamo a Fano, nelle Marche, dove vive il cuore biancorosso Simone Piccioni

Ciao Simone! Raccontaci di te: chi sei, cosa fai, dove vivi, da quanto...
Mi chiamo Simone Piccioni e sono nato a Varese. All'eta di 20 anni ho deciso di fare un'esperienza trasferendomi nelle Marche per giocare a basket ma al tempo stesso non ho mai mollato gli studi e col passare degli anni ho continuato a giocare tra Marche ed Emilia Romagna, cosa che mi ha permesso di laurearmi in Biologia ed in Scienza dell'Alimentazione. Da circa 10 anni vivo stabilmente a Fano vicino a Pesaro (nostra rivale storica) dove lavoro come Biologo Nutrizionista e insegnante nelle scuole superiori.

Com’è nata la tua passione per la Pallacanestro Varese?
La mia passione per il basket nasce grazie a mio padre che mi portò a vedere la Pallacanestro Varese da quando avevo 4 anni, gli anni della DiVarese. Non solo: anche grazie a figure storiche del minibasket varesino, come il mitico Pino Pinelli e Gianni Chiapparo, persone che sanno oltre insegnare anche educare, cosa per me fondamentale. 

Come segui le partite?
Visti i vari impegni raramente vengo a Varese ma non mi perdo mai una partita in tv o al pc tra Rai e Eurosport.

Quali sono a tuo parere le chiavi per una grande stagione? Quale l'obiettivo?
Essendo passato anche se a livelli più bassi da giocatore posso affermare con certezza che le chiavi per una grande stagione sono il rispetto reciproco tra tutti i componenti: staff, società e giocatori; poi unità di intenti e chiarezza sugli obiettivi da raggiungere. Ritengo però che da sole queste cose non bastino... Ci vuole anche un minimo di talento. Come obiettivo penso che il budget un pochino condizioni il tutto, ma penso che i nostri debbano salvarsi il prima possibile e dopo, a mente sgombra, puntare ad uno degli ultimi posti della griglia playoff.

Quest’anno affronteremo tutte le nostre storiche avversarie: Cantù, Milano, le bolognesi, Treviso… Qual è la rivalità che senti di più, la partita che non vorresti mai perdere?
Da Varesino non vorrei mai perdere con Cantù.

Quando hai tifato per la prima volta la Pallacanestro Varese?
Ho iniziato a tifare da piccolissimo, a 4-5 anni, e vivevo le partite come una festa a cui non potevo rinunciare, una cosa che mi porto dentro ancora oggi. 

Chi è il giocatore e/o l’allenatore a cui sei più affezionato?
Il giocatore a cui sono più legato è Meo Sacchetti: perché era il giusto mix tra potenza, talento ed intelligenza e poi... vi posso assicurare che è molto simile sia di faccia che di fisico a mio padre! Come allenatore dico Dodo Rusconi. 

Il Basket Siamo Noi è un importante sostegno per il club e un punto di riferimento per i tifosi: cosa pensi di questa iniziativa che ha già superato i 500 iscritti?
Penso che il Basket Siamo Noi sia un'iniziativa super, a cui dovrebbero aderire tutti e penso che Varese possa e debba arrivare ad almeno 1000 iscritti: questa ovviamente non è una "critica" nei confronti dello staff, il cui impegno e dedizione è encomiabile, ma a tutti quelli che potrebbero e non aderiscono (chissà per quale motivo). Io, anche se non potrò usufruire di nessuno sconto, continuerò ad aderire. Penso che Il Basket Siamo Noi non sia solo importante economicamente, ma soprattutto a livello sociale. Trasmettere ad altri, grandi e piccoli, una passione, è una cosa molto bella e profonda.

Grazie, Simone! Ultima domanda: cosa vuoi dire ai cuori biancorossi che ti stanno leggendo?
Ai cuori biancorossi dico a loro che possono andare al palazzo ogni domenica, di tifare anche per me con la massima energia possibile.

VareseNoi & Il Basket siamo Noi


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Leggi tutte le notizie di BIANCOROSSI NEL MONDO ›

Biancorossi nel mondo

Il Basket Siamo Noi è un’associazione senza scopo di lucro costituita nel 2016 da un gruppo di appassionati al fine di creare un supporter trust a sostegno della Pallacanestro Varese.

Nei suoi primi tre anni di vita è arrivata ad acquisire il 5% delle quote della società, diventando parte attiva della proprietà e punto di riferimento per i tifosi. Anche quelli molto lontano da Varese, cuori biancorossi "dispersi" nel mondo ma trepidanti di fede forse quasi più di chi ogni giorno ha la possibilità di stare vicino alla sua squadra del cuore!

In questa rubrica il Trust e Varese Noi andranno proprio alla ricerca e alla conoscenza di questi supporter, parte integrante e pulsante della grande famiglia che ama la Pallacanestro Varese!

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore