/ Sport

Che tempo fa

Cerca nel web

Sport | 05 novembre 2019, 11:02

Ippica, mercoledì si corre alle Bettole: ecco le dritte di Jacopo D'Elia

Domani alle 13.50 prima giornata di corse della stagione autunnale all'ippodromo. Sei le prove in programma, l'ultima (Premio Mondoturf, ore 16.35) è quella centrale: Jacopo D'Elia la vede così

Ippica, mercoledì si corre alle Bettole: ecco le dritte di Jacopo D'Elia

Domani primo mercoledì di corse alle Bettole: si comincia alle 13.50 per finire prima delle 17. Ecco qualche dritta del super esperto Jacopo D'Elia.

Apre il pomeriggio il Premio Jour de Galop, una prova per puledri maiden sul miglio del tracciato in erba, abbinata al palinsesto dell’Ippica Nazionale. Se dovessero riuscire a cancellare l’ultima prestazione non certo positiva per entrambe, Keep on Search e Goccia Bianca potrebbero lottare per la vittoria. Quota intorno all’1 e 1/2 per la bottiana e 2/1 per la puledra del team Gonnelli. Miracle of Love è qualcosa in più di un terzo incomodo, a 5/1 potrebbe essere una buona puntata a patto che migliori dal discreto debutto offerto in pista dritta. Sorprese i rodati Sopran Chris e Time Leon.

Nel Premio Trotto&Turf fari puntati su Invito a Sorpresa, che torna sul tracciato amico dopo un estate senz’altro positiva. A 1 e 1/2 per noi è un bel giocare, anche se Varelsa torna ad affrontare un impegno alla sua portata e potrà giovarsi dell’ausilio del paraocchi, oltre che dal ritorno su una superficie e su di un tracciato che l’hanno vista dare il meglio. Anche Chill Gioffry è un avversario da non sottovalutare però rientra e lo aspettiamo per la prossima.

Si resta in sabbia nel Premio The Owner Breeder con gli esperti Clerke, Jeff e Auronti che si daranno battaglia ma sono tutti e tre di fronte ad un semi rientro proprio da prestazioni varesine. La nostra scelta cade su Jeff, spesso già pronto in condizioni di relativa freschezza come dimostrato nell’estate appena trascorsa. A 2/1 si va con fiducia con lui poi a seguire Clerke, come principale rivale, senza escludere come detto Auronti e anche Red Painter.

Molto incerto l’handicap per i 3 anni sul doppio chilometro allungato del tracciato in erba, il Premio Tuttoippicaweb. Conta Happy Wind, che però non ama molto piste a raggio ridotto ma corre con peso bloccato dopo il recentissimo successo a San Siro. Una linea milanese lega in maniera indissolubile Kingslynn e Walplata, entrambi vincitori sull’anello prealpino, con quest’ultima che, potendo giostrare in avanti, avrebbe vantaggio tattico non indifferente. La presenza di un’altra front runner come Head and Legs rimescola però le carte, tant’è che azzardiamo in cima
alle nostre preferenze Rapture, molto scarica e a suo agio sul tracciato, se avesse una quota in doppia cifra potrebbe rivelarsi il colpo a sorpresa di giornata.

Eccoci al consueto appuntamento per i non professionisti, il Premio France Galop, sui 2150 metri della pista in sabbia. Larmor è il cavallo da battere, un favorito piuttosto solido a 1 e 1/2 anche se non imbattibile visto che Whatpeopleprefer si è rivelato un sabbiarolo provetto e resta un rivale tosto. Stanott e Inaspect sorprese con Kelvin Hall, velenosa in questa sistemazione ponderale, e il decaduto Rosenquist, che se dovesse ricordarsi chi è…

Si chiude il pomeriggio con la II Tris del programma nazionale, il Premio Mondoturf, nonché prova centrale in termini monetari. Si tratta di un handicap rompicapo per i 3 anni e oltre sul miglio nel quale è veramente difficile scegliere chi giocare. Una linea comune di due mesi fa sul tracciato lega Such a Fool, vincitore in quella circostanza, a Blue Mayson e ad Ipazia, tutti e tre particolarmente intonati su questa pista. Leggera preferenza per l’allievo di Mario Esposito che, dopo una piccola parentesi in ostacoli, è appena rientrato senza forzare sulla dirittura milanese: il peso è invitante e ha sorteggiato il miglior numero di partenza. Da 6/1 in su si può provare, oppure virare sulla consistenza di Such a Fool e Ipazia, senza dimenticare Roman Spectrum e Grand Moff Tarkin, su fondo galoppabile. Attenzione al peso massimo Complimentor, il quale proprio qui a Varese aveva colto il primo successo italiano per poi correre in compagnie forse troppo impegnative.

Jacopo D'Elia

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore