/ Basket

Basket | 13 febbraio 2024, 07:30

VIDEO - Mario Vernazza a L’Ultima Contesa: «Con me i giocatori hanno uno spazio privato: si lavora sulla capacità di stare concentrati»

Consigliere d’amministrazione e mental skills coach: ospite inedito e tutto da scoprire quello della puntata di ieri, con cui si è parlato della vittoria di domenica, ma anche del suo lavoro e di alcune dinamiche societarie: «Con Pesaro partita piena di insidie. Woldetensae bravo a restare sempre coinvolto. Con Varese Sport & Entertainment l’obiettivo è l’equilibrio economico»

Mario Vernazza, ospite ieri sera de L'Ultima Contesa

Mario Vernazza, ospite ieri sera de L'Ultima Contesa

Sedicesima puntata de L’Ultima Contesa in archivio: la vittoria della Openjobmetis contro Pesaro ha fatto sorridere nuovamente il pubblico di Masnago. E non si poteva che partire da questo nell’ultimo episodio del talk show sulla pallacanestro di VareseNoi.

Se ne è parlato con l’ospite Mario Vernazza, consigliere d’amministrazione di Pallacanestro Varese e mental skills coach della squadra, che ha fornito anche qualche curiosità sul lavoro che svolge con i giocatori e alcune informazioni sulle evoluzioni dell’assetto societario.

Altro ospite è stato Matteo Gallo, giornalista di VareseSport.

Ecco alcune delle dichiarazioni di Mario Vernazza.

«È stata una partita che aveva un sacco di insidie - sul match vinto contro Pesaro - perché era una di quelle che tutti si aspettano tu vinca, e giocare una partita così è semplice. Siamo partiti abbastanza forte col nostro gioco e il nostro ritmo: la solita amalgama di energia della squadra e del pubblico che non esiste da nessun’altra parte».

Su Woldetensae: «È un ragazzo che si è allenato tanto quanto faceva l’anno scorso, e si è sempre comportato in modo professionale. È stato bravissimo a tenersi coinvolto emotivamente nella squadra, e il pubblico credo gli voglia bene perché lo vede come qualcuno che può aiutare e che ha sempre avuto una partecipazione costante. Ci sono ancora dieci partite, più la coppa, e Tomas ha ancora la tavola apparecchiata».

Come è entrato in contatto con Pallacanestro Varese: «Ho il privilegio di conoscer Toto Bulgheroni, che è colui che mi ha introdotto ad Arcieri l’anno scorso. È stato valutato che la mia potesse essere una figura di complemento. Ho fatto una chiacchierata con Michael e con Brase e poi mi hanno coinvolto. È estremamente appassionante».

Sul suo doppio ruolo di consigliere e mental coach: «Le cose sono parallele, sono strade che non si incontrano. Al di là dell’aspetto formale, io non ho deleghe nel consiglio, non scelgo giocatori e non faccio valutazioni tecniche al livello che si fanno oggi in Pallacanestro Varese. Con me i giocatori hanno uno spazio privato tutto loro nel quale possono lavorare sulla componente mentale della loro performance, a livello superficiale o più profondo in base alle esigenze».

Sul suo lavoro con i giocatori: «È una figura di complemento. Lavoro con i giocatori sulla capacità di stare concentrato, che stiano facendo riscaldamento, che stia mettendo la divisa o tirando i liberi. L’obiettivo è vivere quello che sta succedendo nel modo più lucido possibile. Questo lavoro non è il discorso motivazionale, anzi, è l’opposto: i giocatori a questo livello non funzionano in questo modo. L’idea è di scoprire per ciascuno di loro cos’è la cosa che li mette in condizione di esprimersi al meglio, e ognuno ha la sua. Sono dei professionisti, e la sfida, per noi come gruppo di lavoro è trovare un equilibrio tra soddisfare i giocatori al livello personale e a livello di squadra».

«Il lavoro più efficace è quello che si fa durante la settimana, la routine pre-gara non ha senso smontarla. Alcuni di loro chiedono di fare del lavoro specifico che magari dura quindici minuti, un esercizio per svuotare la tensione o per cercare di mettere la motivazione al punto giusto».

«Sicuramente in Italia non è una figura molto diffusa quella del mental coach. In ogni franchigia NBA il livello di accesso alla squadra dipende dall’allenatore, ma culturalmente è parte dello sviluppo del giocatore: fanno tecnica, pesi e fisioterapia, e questa parte si aggiunge allo schema di sviluppo. Gli americani hanno una propensione maggiore, per loro è più parte dell’allenamento». 

Sul progetto Varese Sports & Entertainment: «Mi sento di dire che questo è un tentativo e un’iniziativa che nasce dalla visione di Luis di provare a rendere il contesto sportivo tendente all’equilibrio economico finanziario. Varese Sport & Entertainment è il veicolo attraverso il quale questa cosa potrebbe essere possibile. Non vuol dire che ciò successo negli ultimi anni non andava bene, anzi, semplicemente è un tentativo di fare business nel senso migliore del termine. Il proposito è rendere il prodotto una cosa che si automantiene».

Qui sotto il video della puntata integrale.

Lorenzo D'Angelo


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore