/ Storie

Storie | 24 gennaio 2024, 14:18

Atrium Bistrot, il locale che "lavora" per il rilancio di piazza Cacciatori delle Alpi

Dall'amicizia e dai sogni di Simone Di Paola e Ibrahima Sane è nata una realtà che sta provando ad animare con idee e prelibatezze una zona di Varese molto frequentata di giorno ma un po' deserta la sera. La ricetta per conquistare la clientela, compresi gli avvocati del vicino tribunale, sono colazioni, piatti saporiti, american drinks e spazi per smartworking e riunioni

Atrium Bistrot, il locale che "lavora" per il rilancio di piazza Cacciatori delle Alpi

Da compagni di scuola a colleghi di lavoro: questa è la storia di Simone Di Paola e Ibrahima Sane, ragazzi di 23 e 24 anni che insieme al padre di Simone hanno preso le redini del nuovo locale "Atrium Bistrot" in piazza Cacciatori delle Alpi a Varese, aperto lo scorso luglio.

Diplomati all'istituto alberghiero "De Filippi", i due sono amici da ormai 8 anni. Dopo aver preso strade diverse, ora lavorano insieme.

«Da quando mi sono diplomato ho sempre lavorato nel settore della ristorazione, ma a un certo punto ho pensato che sarebbe stato bello avere un'attività, così io e mio padre abbiamo trovato questo locale e lo abbiamo avviato - racconta entusiasta Simone Di Paola - Il mio amico Ibrahima, inoltre, era tornato dalla Puglia e così è diventato lo chef del bistrot».

«Ero in Puglia a lavorare in un ristorante e ho imparato tanto da quell'esperienza - interviene Ibrahima Sane - I miei piatti sono molto saporiti e hanno abbinamenti particolari e ricercati».

Ma "Atrium Bistrot" propone anche brioche fresche tutte la mattine riempite al momento, con la possibilità di scegliere fra 6 farciture, oltre a pinse, panini, focacce romane e insalate.

«Recentemente abbiamo introdotto una novità che a Varese prima non c'era: gli "american drinks" caldi e freddi come i cappuccini alla zucca, al caramello, al cioccolato e alla vaniglia. Strizziamo l'occhio a "Starbucks" - dice sorridendo il padre di Simone - Abbiamo anche dolci americani come i cookies, i cinnamon rolls, i muffin e la torta alla zucca».

Nei giovani queste delizie stanno riscuotendo interesse ed è ciò a cui puntano Simone e Ibrahima: «Vorremmo che diventasse un punto di incontro per i ragazzi, ma anche un riferimento per la pausa pranzo per chi lavora in ufficio. Cerchiamo di arrivare un po’ a tutti portando delle novità».

In programma hanno anche altri progetti: «Da marzo o aprile organizzeremo degli aperitivi gourmet con vini o cocktail selezionati da un sommelier accompagnati da stuzzichini sapientemente abbinati. Inoltre, vorremmo iniziare a fare le aperture serali con un dehor in piazza, ma ora non è possibile» aggiunge il padre del ragazzo.

Piazza Cacciatori delle Alpi non è infatti molto frequentata e verso sera, raccontano, si nota del degrado: «Stiamo lavorando con il sindaco Davide Galimberti e la vicesindaca Ivana Perusin per dare vita a questa zona, magari installando l'illuminazione».

Ma non è finita qui. Atrium Bistrot pensa anche agli avvocati e ai loro clienti:«Abbiamo creato una saletta meeting da 6 posti, così che prima di entrare in tribunale possano confrontarsi, ma anche per riunioni di lavoro. È dotata di maxischermo, prese per i computer e telecamere per le videoconferenze - afferma Simone e continua - Al piano superiore abbiamo una sala da 30 posti e 8 di questi hanno la presa, così da poter permettere ai nostri clienti di fare smartworking, grazie anche al nostro wifi ad altissima velocità ed estremamente stabile» conclude.

Insomma, un locale a cui non manca nulla e cerca di andare incontro a tutti a varesini portando novità. Non resta che sperare in una ripresa della piazza.

Elisa Petrocelli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore