/ Basket

Basket | 19 novembre 2023, 20:21

IL COMMENTO DI FABIO GANDINI - WCS, lo specchio di una Varese a metà strada... Ma sulla strada

A un passo dal baratro, quando anche Masnago aveva fatto sentire la sua voce di disappunto, il centro ex NBA risorge e si porta dietro tutta la Openjobmetis. Varese-Scafati cambia lì, cambia grazie a lui. Intimidazione, presenza, canestri, dominio: per la prima volta in stagione i numeri fanno scopa con l’utilità. Che è l’unica cosa che conta

Willie Cauley-Stein immortalato nello scatto di Fabio Averna

Willie Cauley-Stein immortalato nello scatto di Fabio Averna

Guardatela la foto di copertina del nostro fotografo Fabio Averna, cui vanno i complimenti per aver fatto il meglio che un fotografo possa fare: cogliere l’attimo nell’attimo.

L’attimo di un gesto tecnico non solo bello, non solo utile, ma anche tanto estraneo alla “grazia” cui il suo autore ci ha abituato. E l’attimo di una reazione, ad accompagnare il gesto tecnico, che “parla” di grinta, di cattiveria agonistica, di rabbia repressa che viene finalmente fuori, di reazione, di attivo invece che passivo.

È a metà strada Willie Cauley-Stein, come Varese, che per la prima volta - ed è questa la notizia - è stata finalmente sua. I numeri dicono che quella contro Scafati non sia stata la sua miglior prestazione, ma a noi pare lampante di quanto essi mentano almeno su un punto, il più importante: oggi i numeri di WCS hanno fatto scopa con l’utilità per la squadra. Ed è una scopa fatta con il 7 bello, perché è l’unica cosa che alla fine conta visto che il basket è uno sport collettivo e non individuale.

Cosa farsene di doppie-doppie personali se Varese perde, se gli avversari la triturano da sotto, se tutti i palloni vaganti arrivano a qualcun altro, se le posizioni difensive sono sbagliate, se la protezione delle plance è un optional, se da sotto si sbagliano i rigori e non per cattiva tecnica ma per spirito? Questo è stato il Cauley-Stein visto fin qui nella stagione e nel tragico primo tempo di oggi. 

E allora sono arrivati i fischi. Netti, sonori, difficilmente equivocabili, diffusi. A lui e poi all’allenatore, reo di averlo rimesso in campo forse più attento al cronometro che al respiro autentico del match: in quel momento l’area era di Scott Ulaneo, e probabilmente sua doveva restare. Masnago sa essere piuma e allo stesso tempo ferro, per parafrasare un fortunato film di Verdone: non gliela puoi “raccontare”, ha visto troppo basket e di altissimo livello, e non accetta pressapochismi, mollezze, improvvisazioni.

Quando anche la vox populi l’ha stanato, a un passo dal baratro, WCS è clamorosamente risorto e si è portato dietro una squadra che mai nel primo tempo era riuscita a cambiare l’inerzia del match, nemmeno con le positività di Ulaneo in contumacia Willie. L’ex NBA è partito dalla difesa, con una serie di "no" sputati in faccia agli attaccanti ospiti che - e siam sempre allo stesso punto - il tabellino ha colto solo in parte: il foglio rosa parla di una sola stoppata, gli occhi narrano invece di intimidazioni, di presenza, di tiri degli avversari che cambiano necessariamente parabola ed escono, di aiuti e di grinta. Tutto in serie. E dall’altra parte sono stati 8 punti quasi in fila, sono stati tagli fatti bene, sono stati "dettati" per i compagni che hanno dovuto fare l’assist, sono stati schiacciate, sono stati dominio. 

L’Itelyum Arena si è stropicciata gli occhi, incredula. E Varese-Scafati è girata lì, la partita ha cambiato versante come un fiume che invece di sfociare nel Mediterraneo finisce nel Mar Nero. E non importa che la formazione di Sacripanti sia arrivata a un nonnulla dal portarla via: come un fiume, per definizione inesorabile e non correggibile nella sua direzione, la vittoria è arrivata comunque nel mare prealpino.

Willie Cauley-Stein è lo specchio di questa squadra ancora a metà strada tra il bene il male. Di questa squadra che non ha un regista di ruolo e un animale da pick and roll, ma oggi ha chiuso con una caterva di giochi a due andati a buon fine e solo (record stagionale) 20 tiri da tre. Di questa squadra che ancora si spegne e si butta via, ma oggi è assomigliata tanto a quella dello scorso anno… che alla fine vinceva. Di questa squadra che ha un allenatore che si prende il lusso di non chiamare timeout con un 8-0 di parziale subito in un finale drammatico, ma trova la ragione del successo, la stessa che alla fine trovava spesso e volentieri Matt Brase con gli stessi metodi.

Di questa squadra che è ancora a metà strada, sì, ma ora sembra finalmente “sulla” strada.

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore