/ Varese

Varese | 22 marzo 2023, 07:13

Al posto della pellicola c'è WhatsApp, così il sogno del decano dei fotografi varesini sbarca in piazza XX Settembre e guarda al futuro

Vittorio De Lorenzi, ex titolare dello storico Photo Center di via Rossini, rilancia la sua attività aprendo il suo nuovo negozio "Pic Phone". Non senza coraggio: «È un momento difficile, ma grazie al motto "ricordati di ricordare" vorrei far tornare l’abitudine di stampare le fotografie che i clienti possono inviarmi con WhatsApp»

Al posto della pellicola c'è WhatsApp, così il sogno del decano dei fotografi varesini sbarca in piazza XX Settembre e guarda al futuro

Si chiama Pic Phone ed è il nuovo riferimento cittadino per chi fotografa, non importa se con lo smartphone, una macchina digitale o ancora con la pellicola, perché Vittorio De Lorenzi, il titolare, garantisce sviluppi e stampe per tutti, grazie a velocità, competenza e innovazione, ingredienti che non lo abbandonano da quasi 47 anni. 

È una sfida, quella dell’ex titolare dello storico Photo Center di via Rossini, dove noi sessantenni andavamo ventenni ad acquistare la prima reflex di seconda mano e a raccogliere preziosi consigli su obiettivi, pellicole e carte fotografiche. In tempi grami per il commercio, con il post pandemia, la guerra in Ucraina e l’aumento di ogni cosa possibile, aprire un nuovo grande negozio sembrerebbe un azzardo, soprattutto oggi, quando le fotografie si scattano soprattutto con il telefono e si cancellano quasi subito senza stamparle. 

Ma Vittorio è sicuro che Pic Phone, nella piazzetta interna adiacente piazza XX Settembre, possa diventare una sorta di “laboratorio creativo” anche per giovani di buona volontà che apportino idee e abbiano voglia di sperimentare nuove tecnologie. De Lorenzi, milanese di origine, arrivò a Varese nel 1976, dopo 12 anni passati nel celebre negozio di fotografia Giovenzana in largo Augusto a Milano, rilevando Foto Nebuloni in viale dei Mille. 

«Nel 1977 ho aperto Photo Center in via Rossini e trascorso là ben 41 anni della mia vita, finché l’isola pedonale ha ucciso ogni attività. All’inizio ero uno dei concessionari di tutte le grandi case, Nikon, Canon, Leica, Olympus, Pentax e Fuji, un leader nel campo analogico. Nel 1982 sono stato il primo in Italia a garantire lo sviluppo e stampa in un’ora, grazie a macchinari giapponesi, un Minilab che costava 200 milioni di lire. Per due anni in Italia lo abbiamo avuto forse in sei o sette, poi Kodak creò Kodak Express, aprendo diecimila punti vendita», racconta De Lorenzi, che a Milano è stato titolare di tre negozi di fotografia e uno di ottica, compreso lo storico Artioli, in piazza XXV Aprile.

«Chiuso Photo Center, ho aperto un piccolo spazio in via Mazzini, dove sono stato sei anni, e adesso ho deciso di investire nel nuovo negozio, il nome Pic Phone l’ha trovato mio figlio. La caratteristica è, infatti, quella di stampare, sempre a tempo di record, le immagini che ci vengono spedite direttamente da cellulare su Whatsapp, al numero 328 1149142. È un momento molto difficile, la gente viaggia meno e ha meno ricordi da conservare, ma vorrei contribuire a far ritornare l’abitudine di stampare le proprie fotografie, con il motto “ricordati di ricordare”».

Vittorio De Lorenzi è sempre stato all’avanguardia, fu il primo a vendere la prima macchina digitale Casio, il primo cellulare Motorola 8800 a Milano, diventato poi oggetto di culto, nel periodo del lockdown si è “gemellato” con quattro edicole, unico luogo frequentabile allora, dove raccogliere le stampe delle fotografie che gli arrivavano via Whatsapp, poi si è inventato le mascherine con stampate le immagini di automobili fuoriserie e squadre di calcio.

«In questo negozio, aperto da martedì a sabato, della 9 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18, oltre ai cristalli in cui si può incidere al laser la fotografia più amata, perfezionerò il laboratorio e varierò i supporti su cui stampare anche gigantografie e poster, dalla tela al metallo e al legno, fino al forex per montare le fotografie su pannello. L’avvento del digitale ha fatto morire la fotografia amatoriale e la conseguente accessoristica, dai cavalletti ai materiali per la camera oscura, ai filtri, a carte e pellicole. In negozio ho un grandissimo assortimento di cornici, di ogni dimensione e materiale, alcune in legno di fattura quasi artigianale. Nel piano inferiore c’è un ampio spazio, che può funzionare come sala pose o sede di piccole mostre o eventi. Mi piacerebbe anche che questa piazzetta diventasse più viva, tra non molto aprirà il nuovo bar che potrà portare più gente e movimento», aggiunge Vittorio, che a Pic Phone si avvale dell’aiuto di Paola Moranzoni per il lavoro di Photoshop, mentre lui si occupa della stampa fotografica.

Oggi sono sempre meno i fotografi con le reflex anche digitali, ma uno zoccolo duro resiste: «Ho cinque o sei clienti Canon e Nikon, uno che acquista Leica, mentre è aumentata la vendita della Kodak usa e getta. Qualcuno prende ancora le pellicole, bianco e nero e colore, mente le diapositive sono tramontate. Arriva qualche giovane che vuole provare a fotografare e chiede una reflex di primo prezzo, ma ormai la gran parte delle immagini arriva via smartphone. Mi piace sempre essere all’avanguardia, e frequento le fiere aggiornandomi sui laboratori di stampa e sulle nuove attrezzature e mi piacerebbe che Pic Photo diventasse un luogo di incontro per chi ha ancora della fotografia un’idea di passione e di alto artigianato».

Mario Chiodetti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore