/ Cronaca

Cronaca | 07 agosto 2022, 08:04

Incidenti nella notte a Gallarate e tra Legnano e Castellanza: paura per quattro ventenni

Intorno alle 23.20 di ieri sera intervento dell'ambulanza in via Buonarroti a Gallarate, un paio d'ore più tardi auto si è ribaltata in via Micca a Legnano: i giovani feriti trasportati in ospedale in codice verde

Incidenti nella notte a Gallarate e tra Legnano e Castellanza: paura per quattro ventenni

Momenti di apprensione la scorsa notte per quattro giovani poco più che ventenni, rimasti coinvolti in due distinti incidenti avvenuti a Gallarate e al confine tra Castellanza e Legnano.

Il primo sinistro si è verificato intorno alle 23.20 all'incrocio tra via Magenta e via Buonarroti a Gallarate, nel rione di Arnate. La dinamica è ancora in corso di ricostruzione ma nel sinistro sono rimasti coinvolti due ragazzi di 21 e 23 anni: l'ambulanza, arrivata sul posto insieme alla polizia, ha trasportato i feriti in pronto soccorso in codice verde: per loro ferite che non destano preoccupazione.

Un paio d'ore più tardi - era da poco passata l'una di notte - l'allarme è scattato a Legnano, in via Pietro Micca, non lontano dal confine con Castellanza. Qui, per cause in corso di accertamento, un'auto sulla quale viaggiavano alcuni giovani si è ribaltata. Immediato l'allarme: sul posto sono intervenuti in codice rosso, quello di massima urgenza, due ambulanze e un'automedica.

Il personale sanitario ha prestato assistenza a due giovani: una ragazza di 21 anni e un giovane di 25. Per uno di loro è stato necessario il trasporto al pronto soccorso di Castellanza, ma a differenza di quanto temuto inizialmente non in gravi condizioni: il rientro dei mezzi di soccorso infatti anche in questo caso è stato in codice verde. Sul posto anche i vigili del fuoco, che si sono occupati della messa in sicurezza del mezzo.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore