/ Scuola

Scuola | 02 maggio 2022, 19:12

VIDEO. I bambini delle scuole varesine astronauti per un giorno con Italia Brilla

L’iniziativa promossa dall’associazione Il Cielo Itinerante e organizzata dall’Ufficio Scolastico di Varese ha lo scopo di promuovere lo studio delle materie scientifiche anche tra i meno fortunati. La vice sindaca Perusin: «Occasione veramente unica, importante anche per il tema della diversità»

VIDEO. I bambini delle scuole varesine astronauti per un giorno con Italia Brilla

Il progetto nazionale Italia Brilla - Costellazione 2022 sbarca a Varese. L’evento promosso dall’associazione Il Cielo Itinerante e organizzato con l’Ufficio Scolastico di Varese si è svolto presso la sede dell’associazione Amici del Sacro Monte.

L’iniziativa, sostenuta anche da Unicef e Iliad, ha lo scopo di favorire le pari opportunità e lo studio delle materie STEM tra le ragazze e i ragazzi provenienti da contesti socioeconomici difficili tramite modalità innovative d’apprendimento. Con questa finalità è stata organizzata questa mezza giornata con i bambini dell'Istituto Comprensivo Don Rimoldi.

Il progetto è stato promosso in occasione della missione di Samantha Cristoforetti.

«Italia Brilla si tratta di un viaggio - spiega Margherita Carusi, project leader de Il Cielo Itinerante - che la nostra associazione vuole fare con l’idea di portare la scienza anche dove non arriva».

Ha partecipato all’evento anche la vice sindaca Ivana Perusin: «Un’occasione veramente unica: valorizziamo questa opportunità, anche per le ragazze, quindi è importante anche per il tema della diversità. E poi perché siamo in questo luogo meraviglioso: ricordiamo che la nascita del Sacro Monte fu di una romita, un esempio quindi di imprenditoria femminile».

Presente anche il consigliere regionale Samuele Astuti, che ha parlato con i bambini in apertura: «Il tema della diversità è importante ed è importante che siate coscienti del fatto che spetta a voi scegliere».

«Grazie a questo progetto la scienza arriva anche in contesti svantaggiati, creando un’occasione per i nostri studenti e studentesse per sviluppare il pensiero critico attraverso l'esperienza e l'osservazione – dichiara l'assessora ai Servizi educativi Rossella Dimaggio - In una società come la nostra che è sempre più tecnologica, poter sviluppare passione e competenze verso le materie scientifiche significa dare un'opportunità in più per il futuro. Non solo, nelle materie tecniche e scientifiche permane tuttora un gap di genere, spesso dovuto a elementi sociali e di background familiare, che ha conseguenze importanti sul futuro delle donne e della società. Con iniziative come questa quindi si vogliono superare divari, liberandosi da vecchi stereotipi, per consentire a ognuno di esprimere al meglio il proprio potenziale».

I bambini si sono poi cimentati in due laboratori molto pratici: la costruzione di un prototipo di satellite e una simulazione di come si diventa astronauti. Infine, c’è stata l’osservazione del cielo con i telescopi.

Lorenzo D'Angelo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore