/ Eventi

Eventi | 27 novembre 2021, 08:56

All'Eremo di Santa Caterina a Leggiuno la riproduzione di un villaggio montano in miniatura

L'inaugurazione del piccolo capolavoro realizzato con legno di Agra e del Luinese dal miniaturista varesotto Beniamino Gianni, che contiene anche la natività, verrà inaugurato il 4 dicembre alla presenza del vicario generale monsignor Franco Agnesi: l'eremo resterà aperto per tutto il periodo natalizio

All'Eremo di Santa Caterina a Leggiuno la riproduzione di un villaggio montano in miniatura

È in programma per le ore 18.00 di sabato 4 dicembre all'Eremo di Santa Caterina a Leggiuno, alla presenza del vicario generale monsignor Franco Agnesi e dopo la celebrazione della messa, l’inaugurazione del villaggio montano con natività, opera dell’appassionato miniaturista Beniamino Gianni.

L'opera è stata realizzata per iniziativa della Società Patrimoniale della Provincia di Varese all’interno di una delle sale del convento meridionale dell’Eremo di Santa Caterina del Sasso di Leggiuno, grazie alla collaborazione della Comunità Francescana di Betania che ha concesso lo spazio. Rimarrà aperto ai visitatori per tutto il periodo natalizio.

Nello stesso spazio saranno inoltre esposti tre presepi di piccole dimensioni, realizzati artigianalmente in scala dal maestro presepista Erminio Fracasso. Tredici casette di varie dimensioni compongono il villaggio: sono state realizzate interamente a mano, nell’arco di diversi anni, dal varesotto alpino Beniamino Gianni con impegno e passione ma senza seguire un filo logico, come lui stesso afferma, motivo per il quale non sono in scala e variano nelle forme e nei motivi. Sono costruzioni delicate, assemblate con dedizione e attenzione al dettaglio con legno e schegge di pietra provenienti dalla zona di Agra e del luinese.

I particolari sono ben riconoscibili anche negli interni, illuminati da luci che ne aumentano la suggestione. Beniamino ha concesso alla Società Patrimoniale l’uso e l’esposizione delle sue realizzazioni per la creazione di un villaggio montano, allestito grazie alla cooperazione del GAP – Gruppo Amici del Presepe di Solbiate Arno, guidato sempre dal Maestro Fracasso che ne ha studiato la collocazione, realizzando una scenografia in legno, sughero e altri materiali naturali.  

I visitatori dell’Eremo hanno dunque la possibilità di ammirare un vero capolavoro di artigianato che, nelle intenzioni della Società promotrice e dei realizzatori, si presenta ancora prima che come presepe come villaggio delle nostre montagne. È presente una natività e un pastore, realizzati in creta e dipinti a mano sempre da Fracasso, con il suo gregge ma la mancanza di bue, asino e altri personaggi vogliono portare alla luce e far riflettere sul problema dell’abbandono del territorio alpestre, oltre che sul momento gioioso della nascita.

Questo villaggio si presta ad essere l’esaltazione e presentazione della vita nei paesi montani, in luoghi lontani e di difficile percorrenza che troppo spesso vengono abbandonati: sono questi gli ambienti in cui il ritorno alla vita è auspicabile e nei quali la nascita è vissuta come momento di festa dell’intera comunità. La natività è dunque motivo di riflessione sull’avvento ma soprattutto sulla vita che continua.  

L’Eremo e il villaggio montano rimangono aperti per tutto il periodo natalizio, festività comprese, dal lunedì alla domenica secondo i seguenti orari di apertura:

- dal 5 al 15 dicembre dal lunedì al venerdì dalle 13.30 alle 18.00, il sabato, la domenica e l’8 dicembre dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 19.00). 

- dal 16 dicembre al 6 gennaio tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 19.00).

 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore