/ Politica

Politica | 27 ottobre 2021, 19:35

VIDEO - CHI GOVERNA VARESE. «Continuità e innovazione per ridarvi tra 5 anni una città più bella»

Il sindaco Davide Galimberti alla prima uscita della sua squadra tra novità (tre) e conferme (sei). Ma non finisce qui: «Ci saranno anche deleghe consiliari» dichiara il primo cittadino, che si terrà quella al PNRR. Ecco tutte le dichiarazioni dei nuovi assessori e tutte le deleghe nel dettaglio

VIDEO - CHI GOVERNA VARESE. «Continuità e innovazione per ridarvi tra 5 anni una città più bella»

Nove nomi, dietro il capofila. Squadra completa? Non del tutto: la compagine amministrativa presto si arricchirà di altre figure.

Il primo giorno della giunta del governo bis affidato dalle urne a Davide Galimberti si è consumato questo pomeriggio nelle sale di Palazzo Estense. Novità (sei) e conferme (tre) si sono schierate davanti alla stampa per una presentazione individuale introdotta dalle parole di colui che ha fatto le scelte definitive: «È stata scelta la strada della continuità con i primi cinque anni, come suggerito anche dal risultato elettorale, che ci ha invitato a proseguire. Ma ci sono anche delle innovazioni, ovvero alcuni assessori che aiuteranno l’amministrazione a caratterizzarsi per affrontare le sfide future».

Vicino a Galimberti ci sono gli alfieri comunicati già ieri: Ivana Perusin (vicesindaco e assessore allo Sviluppo Economico, con delega anche al Turismo), Andrea Civati (Pianificazione territoriale, Manutenzioni, Programmazione e Realizzazione opere pubbliche, ma anche manutenzione del Verde Pubblico), Cristina Buzzetti (Risorse), Rossella Dimaggio (Servizi Educativi)Roberto Molinari (Servizi Sociali), Raffaele Catalano (Polizia locale e Protezione civile) e le new entry Stefano Malerba (Sport e Risorse), Enzo Laforgia (Cultura) e Nicoletta San Martino (Tutela ambientale, Sostenibilità ed Economia circolare).

Non finisce qui, però: il primo cittadino ha anticipato che alcuni temi di gestione amministrativa saranno oggetto di precise deleghe consiliari, un modo per allargare sostanzialmente il perimetro operativo della giunta e forse anche “salvare” alcuni ex assessori sacrificati sull’altare delle decisioni per il bis. Tra esse ci saranno sicuramente i Giovani e i Quartieri (rientrerà in gioco Francesca Strazzi?), l’Energia e Comunità (Dino De Simone?), Università (il neo consigliere Alberto Coen Porisini?) e Sanità.

Non mancano le deleghe che resteranno in capo a Galimberti. Tra esse spicca quella in materia di PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), al cui scopo verrà creato anche uno staff che collaborerà con tutti gli assessorati e avrà il compito di raccogliere tutte le opportunità che si presenteranno in base alle risorse ricevute dal Comune.

Da definire c'è ancora il presidente del Consiglio Comunale, materia che «spetta ai gruppi consiliari» e sul quale Galimberti non sembra voler dare pubblica indicazione. Di certo le forze dell’arco politico cittadino si sono già parlate: lo stesso Galimberti ha sottolineato come le scelte di giunta siano avvenute dopo i confronti non solo coi rappresentanti politici di maggioranza ma anche con tutti i candidati sindaco.

Gli interventi dei singoli assessori

Ivana Perusin: «Partecipazione e ascolto saranno il metodo anche dei prossimi cinque anni, senza dimenticare la professionalità. Metterò ancora più impegno rispetto alla prima esperienza».

Roberto Molinari: «Le sfide dei servizi sociali andranno affrontate con determinazione e umiltà, anche alla luce dei bisogni accresciuti dalla pandemia. Il Comune sarà sempre la prima frontiera dello Stato verso i bisognosi».

Andrea Civati: «Nel novero delle mie deleghe ci sono le partite nella quali si giocherà il futuro. I progetti sono tanti e così i fondi che arriveranno alla nostra città: fra cinque anni consegneremo ai cittadini una Varese più bella e attrattiva».

Rossella Dimaggio: «La scuola è come un alveare: ogni giorno un problema e una sfida da vincere, obiettivo che si può raggiungere solo con la collaborazione degli altri assessorati. Mi occuperò anche di Pari Opportunità, che devno diventare sinonimo di inclusione».

Enzo Laforgia: «Intervenire sulle politiche culturali ha ancora più senso in questo momento di sfilacciamento e sfiducia: bisogna creare un tessuto connettivo nuovo, proseguire negli investimenti e portare la cultura anche nei quartieri, lontano dal centro».

Stefano Malerba: «Varese ha una vocazione sportiva che va ancora di più incoraggiata e bisogna proseguire con il rinnovamento degli impianti, anche sotto il profilo dell’accessibilità. Le risorse umane? A Varese sono tante e importantissime: devono lavorare per semplificare la vita ai cittadini, non complicarla»

Cristina Buzzetti: «Vorrei alzare ancora di più rispetto ai cinque anni precedenti l’asticella dell’equilibrio di bilancio e fare lo stesso lavoro già intrapreso con esso anche sulle partecipate e sul patrimonio».

Raffaele Catalano: «Il tema della sicurezza lo si affronta al meglio solo con una visione generale e con la collaborazione con gli altri assessorati in tema di prevenzione e recupero di situazioni di disagio».

Nicoletta San Martino: «Delega stimolante: tutela ambientale, sostenibilità ed economia circolare insieme sono la spina dorsale del PNRR. Ci sarà l’opportunità di creare connessioni tra i cittadini»

Le deleghe nel dettaglio:

-Vicesindaco Ivana Perusin, Assessorato allo Sviluppo delle Attività Produttive e Semplificazione e Servizi per il Turismo, con delega a: Sportello unico autorizzazioni commerciali, Sportello unico per le imprese, Sportello unico per l’edilizia, Servizi per il turismo, Economia transfrontaliera.

-Roberto Molinari Assessorato ai Servizi Sociali, con delega a: Politiche abitative, Politiche del Lavoro, Interventi e servizi di assistenza sociale, Rapporti con il volontariato ed il terzo settore.

-Andrea Civati, Assessorato alla Rigenerazione urbana, alla Mobilità e alle Infrastrutture, con delega a: Governo del Territorio e Rigenerazione urbana, Rapporti con i comuni limitrofi, Mobilità e Trasporto pubblico, Urbanistica, Sistema informativo territoriale, Programmazione e realizzazione opere pubbliche, Difesa del suolo, Manutenzione del patrimonio comunale, impianti e reti e verde pubblico.

-Rosa Dimaggio Assessorato ai Servizi Educativi, con delega a: Servizi per il diritto allo studio, Pari opportunità, Servizi per l’infanzia.

-Enzo Laforgia, Assessorato alla Cultura, con delega a: Sportello unico per la cultura, Sistema bibliotecario, Iniziative culturali, spettacolo ed educazione permanente, Sistema museale e Archivio storico.

-Stefano Malerba, Assessorato al Benessere e Sport, alle Risorse per la crescita e la digitalizzazione, con delega a: Sport, Gestione del personale. Servizi informativi comunali e sviluppo tecnologico.

-Cristina Buzzetti, Assessorato alle Risorse, con delega a: Programmazione economico-finanziaria e bilancio, Fundraising, Tributi, Società partecipate, Pianificazione, amministrazione e valorizzazione del patrimonio comunale.

-Raffaele Catalano, Assessorato alla Polizia Locale e Protezione Civile, con delega a: Presidio del territorio e vigilanza di quartiere, Polizia amministrativa, commerciale e giudiziaria, Videosorveglianza e coordinamento interforze, Sicurezza sul lavoro, Protezione Civile.

-Nicoletta San Martino, Assessorato alla Tutela Ambientale, Sostenibilità ed Economia Circolare, con delega a: Sostenibilità e tutela ambientale, Igiene e Decoro urbano, Tutela Ecosistemi, biodiversità e connessioni ecologiche.

Il sindaco Davide Galimberti inoltre avrà le deleghe a: Coordinamento ed attuazione del Piano nazionale della ripartenza e resilienza per la Città di Varese, Salute – Sanità, Sicurezza, Legalità, Efficienza, Servizi Amministrativi ed istituzionali, Rapporti con l’Università e le istituzioni del territorio, Piano energia e clima, Partecipazione e beni comuni, Controllo di gestione e della performance, Trasparenza amministrativa, Centrale unica acquisti, Affari legali, Servizi istituzionali, civici e anagrafici, Dialogo con i quartieri, Politiche e servizi per adolescenti e giovani, Informazione al cittadino, Informagiovani e Informalavoro, Comunicazione istituzionale, Rapporti con le Comunità straniere.

Fabio Gandini e Andrea Confalonieri


SPECIALE ELEZIONI 2021 - VARESE
Vuoi rimanere informato sulla politica di Varese in vista delle elezioni 2021 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE POLITICA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE POLITICA sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore