/ Calcio

Calcio | 18 giugno 2021, 16:26

«Boniperti era un padre che ti insegnava a vivere»

Il ricordo del presidente onorario della Juventus, scomparso oggi a 92 anni, da parte del campione del mondo Claudio Gentile: «Giocavo a Varese e mi disse di correre subito nel suo ufficio... Mi tremavano le gambe quando lo vidi, ma lui mi mise a mio agio. Con il tempo ho capito che persona straordinaria fosse»

«Boniperti era un padre che ti insegnava a vivere»

Nella notte è morto a Torino, a 92 anni e per una grave insufficienza cardiacaGiampiero Boniperti, presidente onorario della Juventus di cui è stato una bandiera prima come calciatore e poi come dirigente. Negli ultimi anni Boniperti si era ritirato a vita privata, ma seguiva sempre i bianconeri con grande passione, ripetendo spesso come la Juve fosse sempre l’unica cosa che veramente contava per lui  

A ricordarlo ora è il campione del mondo Claudio Gentile. La conoscenza fra i due miti del calcio nasce nel momento in cui Gentile - come accaduto anche a Pietro Anastasi - passa dal Varese alla Juve.

«Giocavo a Varese ed ho ricevuto la chiamata di Boniperti che mi avvisava di andare nel suo ufficio a Torino più velocemente possibile. Il giorno dopo di mattina presto ero già lì. Ero emozionatissimo. Appena mi vide esclamo: "ciao ragazzo, ma sei cosi alto... Mi avevano riferito che non arrivassi manco a una altezza di 1,70... Menomale che ti ho visto: non c’è da fidarsi di quello che mi riportano...". Iniziammo entrambi a ridere. Mi è sempre rimasto il dubbio se l'avesse detto veramente o se fosse un colpo di teatro per mettermi a mio agio in quanto mi tremavano le gambe».

E’ vero che Boniperti non voleva i giocatori scapoli, ma con mogli e figli?

«Certo, ricordo che eravamo sotto tiro io, Cabrini, Scirea e Tardelli. Ogni tanto ci chiamava e ci faceva il predicozzo come un padre di famiglia. Aveva paura che frequentassimo cattive compagnie e che gironzolassimo sino a notte fonda. Sapevamo che conosceva tutto di noi: dove andavamo, cosa facevamo, chi frequentavamo...».

Quando lei arrivò alla Juventus, il suo amico Pietro Anastasi - che già era un veterano bianconero - cosa gli disse per poter stare nel gruppo?

«Pietro mi fu di grande aiuto. Mi diede dritte importanti, mi disse di impegnarmi, di non rilasciare dichiarazioni inopportune, di parlare poco e correre tanto, di essere educato sia in campo che fuori e non essere mai sopra le righe. Questo era lo stile di Boniperti e Agnelli. Mi disse: «Comportati cosi e nessuno ti manderà mai via...»

È vero che Boniperti ci rimase malissimo quando perdeste la finale di Atene?

«Sì, ci rimase molto male... Avevamo giocato una strana partita contro un avversario inferiore a noi, ma purtroppo fu una serata storta. E il presidente ci mise molto tempo a digerire quell’incontro...»

Boniperti stipulava anche i contratti dei calciatori?

«Certo. Nel mese di agosto, mentre ci allenavamo a Villar Perosa, ci chiamava singolarmente. Sinceramente non era di manica larga... Poi a quei tempi non esistevano i procuratori, eri solo tu calciatore e la proprietà. Ricordo l’anno che perdemmo lo scudetto con il Perugia... Nei giorni del rinnovo contrattuale, appena ci vedeva ci apostrofava in questo modo: "Vi ricordo che avete perso con quella squadra... Pertanto ora dovrete fare qualche sacrificio economico”».

Qual è il suo ricordo finale di Boniperti?

«Era una persona straordinaria, della quale con il tempo ho capito. Un grande dirigente, un grane uomo e un padre che ti insegnava a vivere».

Claudio Ferretti


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore