/ Attualità

Attualità | 18 giugno 2021, 15:05

Sgomento a Cuneo per la scomparsa di Paolo Armando, 49 anni, la "tigre di Masterchef"

Era un apprezzato informatico e lavorava alla Provincia di Cuneo dal 2003. Aveva partecipato al reality nel 2015. Lascia la moglie Paola Ramello e i figli Michela (15 anni), Sara (12 anni) e Francesco (8 anni) e l’anziana mamma

Sgomento a Cuneo per la scomparsa di Paolo Armando, 49 anni, la "tigre di Masterchef"

Sgomento e commozione tra i dipendenti della Provincia per la morte improvvisa del collega Paolo Armando, 49 anni, avvenuta nella sera di giovedì 17 giugno. L'uomo era conosciuto per aver partecipato a una delle edizioni di Masterchef.

Armando era un apprezzato informatico e lavorava in Provincia dal 2003 nel settore Servizi Informativi, impegnato in particolare nella gestione dei programmi informatici interni a servizio di tutti gli uffici.

“Una grande perdita per il nostro ente – ha detto il presidente della Provincia, Federico Borgna – ma anche per tutta la comunità provinciale che aveva imparato a conoscerlo e ad apprezzarne le grandi doti umane e professionali. Siamo vicini alla famiglia in questo momento di così grande dolore “.

Sposato, tre bambini, viveva a Madonna dell’Olmo. Oltre alle doti professionali sul lavoro, Paolo Armando era anche impegnato in campo sociale ed educativo come catechista in parrocchia e si era distinto per la passione e la competenza in cucina, diventando un volto televisivo celebre a livello nazionale grazie alla trasmissione “Masterchef” che lo aveva ribattezzato “la tigre” per la grinta e l’impegno che metteva in tutti i suoi lavori.

Armando era testimonial di molte manifestazioni e sui media locali dove veniva invitato come chef e per corsi di cucina. Lascia la moglie Paola Ramello e i figli Michela (15 anni), Sara (12 anni) e Francesco (8 anni) e l’anziana mamma. La data dei funerali non è ancora stata stabilita.

Da targatocn.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore