/ Economia

Economia | 04 maggio 2021, 15:21

Intesa Sanpaolo finanzia con 55 milioni di euro i progetti di crescita sostenibile di Lu-Ve

Dall'istituto bancario un prestito S-Loan da 30 milioni a cui si aggiunge un finanziamento di 25 milioni nell'ambito dell'economia circolare a favore della multinazionale di Uboldo.

Intesa Sanpaolo finanzia con 55 milioni di euro i progetti di crescita sostenibile di Lu-Ve

Intesa Sanpaolo ha scelto di finanziare la crescita sostenibile al centro del progetto di sviluppo di LU-VE Group con finanziamenti per un totale di 55 milioni di euro. Un prestito S-Loan pari a 30 milioni di euro è finalizzato a sostenere il capitale circolante e i piani di sviluppo dell’azienda incentrati su nuovi programmi ESG (Environmental, Social, Governance) già strategici per la società.

A questo si aggiunge un finanziamento pari a 25 milioni di euro che LU-VE ha ottenuto a valere sul plafond di 6 miliardi che il Gruppo Intesa Sanpaolo ha destinato allo sviluppo dell’Economia Circolare, con l’obiettivo di sostenere le migliori aziende del territorio nel perseguire piani di crescita responsabile e promuovere la loro capacità progettuale nonostante il difficile momento condizionato dalla pandemia in corso. In particolare, l’operazione S-Loan ha l’obiettivo di supportare attività di forte impatto ambientale e sociale che si traducono nell’acquisto di energia elettrica da fonti rinnovabili e nel supporto delle associazioni operanti nel no profit e nel sostegno personale e professionale alle categorie svantaggiate.

«Lu-Ve è da sempre molto sensibile alla sostenibilità e al rispetto ambientale, sono temi che fanno parte del nostro Dna aziendale - afferma l'amministratore delegato di Lu-Ve Group Matteo Liberali - è proprio in questa direzione che sono orientati i nostri progetti futuri: l’obiettivo è proseguire il percorso di innovazione e crescita interpretando le nuove esigenze di rispetto ambientale. Siamo felici che Intesa Sanpaolo abbia riconosciuto il nostro impegno in obiettivi sempre più sostenibili, che sono stati e continuano a essere fondamentali perché hanno consentito la crescita economica del Gruppo».

«Questo significativo finanziamento erogato a un’eccellenza quale Lu-Ve - dichiara Tito Nocentini, direttore regionale Lombardia Nord di Intesa Sanpaolo - testimonia l’importanza di creare relazioni virtuose tra partner che condividono valori comuni e l’impegno a crescere, promuovendo tali valori. La transizione sostenibile passa anche attraverso la crescita e lo sviluppo delle PMI che mostrano di comprendere e governare il proprio impatto sociale, ambientale e di governance, al quale la banca affianca a sua volta il proprio supporto e la propria partecipazione. In particolare, il prestito S-Loan di Intesa Sanpaolo legato a obiettivi di sostenibilità, come in questo caso, è stato rafforzato di recente con un ulteriore scopo solidale e di alto impatto sociale: la banca infatti destinerà una donazione per ogni prestito erogato, che diventa così un’ulteriore occasione per accrescere anche il proprio impatto sociale in un sistema di reciprocità con l’impresa».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore