/ Varese

Varese | 30 aprile 2021, 12:14

I cittadini non usano più i sottopassaggi di Via Milano? "Varese in Azione" pronta a ripulirli

Il candidato Sindaco Carlo Alberto Coletto: «Il degrado dei sottopassi di viale Milano ne scoraggia l'utilizzo da parte dei pedoni, costringendoli a preferire l'attraversamento di superficie, più lento e pericoloso. Metteremo in campo i nostri volontari»

I cittadini non usano più i sottopassaggi di Via Milano? "Varese in Azione" pronta a ripulirli

I cittadini non usano più i sottopassaggi di Via Milano perché sono impraticabili o sono impraticabili perché sono sempre stati trascurati dalla pubblica amministrazione, che adesso preferisce chiuderli, come a mettere la polvere sotto il tappeto, piuttosto che alzare il tappeto e pulire la polvere?

Questa la domanda di Varese in Azione si pone, dopo che l'attuale Amministrazione ha dichiarato di aver preso la decisione di chiudere i sottopassi di Viale Milano, in seguito ad un sondaggio fatto tra i commercianti e, paradossalmente, non tra i cittadini pendolari e gli studenti che frequentano la zona.

Dichiara il candidato Sindaco Carlo Alberto Coletto: «Il degrado dei sottopassi di viale Milano ne scoraggia l'utilizzo da parte dei pedoni, costringendoli a preferire l'attraversamento di superficie, più lento e - soprattutto - pericoloso. Parliamo di un viale trafficato, impensabile immaginare che, nel post covid, con la ripresa in presenza di scuole e uffici, il trasferimento dei bus nella loro sede di origine in piazzale Kennedy, i cittadini utilizzino in massa le strisce pedonali. Noi abbiamo a cuore la città, combattiamo l'incuria e siamo sicuri che con investimenti limitati i sottopassaggi possono essere riqualificati e quindi sfruttati. Partiamo nel nostro piccolo con un'opera volontaria di imbiancatura, un piccolo passo per invertire la rotta».

Varese in Azione sarà infatti, con i propri volontari, presso i sottopassaggi di Viale Milano a metà Maggio «se non arriverà alcuna volontà ostativa da parte del Comune» per un'opera di pulizia ed imbiancatura. «Coinvolgeremo i nostri volontari e tutti coloro che hanno a cuore questo argomento, certi che la nostra città sia migliorabile dai piccoli gesti e che prima di arrivare a soluzioni drastiche, si possano valutare diverse risoluzioni. Non possiamo, anzi non dobbiamo, arrenderci al degrado; chiudere un sottopasso perchè non si vuole renderlo più sicuro e più attraente è un pessimo segnale. Varese in Azione pone al centro del suo programma l'educazione al bello, perchè una città bella e, soprattutto ben tenuta, è più attraente, più vivibile e più sicura» conclude Coletto.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore