/ Territorio

Territorio | 20 febbraio 2021, 14:04

Il saluto di Albizzate, Jerago con Orago, Solbiate Arno e Besnate al maresciallo Andrea Foti

I sindaci dei quattro Comuni hanno voluto ringraziare il comandante dei carabinieri di Albizzate in partenza per una nuova destinazione: «Una collaborazione stretta, schietta e soprattutto efficace, anche nei momenti più complicati»

Foto tratta dalla pagina Facebook del sindaco di Jerago Emilio Aliverti

Foto tratta dalla pagina Facebook del sindaco di Jerago Emilio Aliverti

I sindaci e i rappresentanti dei Comuni di riferimento della stazione dei carabinieri di Albizzate, ovvero anche Jerago con Orago, Solbiate Arno e Besnate hanno salutato e ringraziato questa mattina il maresciallo Andrea Foti in partenza dal Varesotto per il uso nuovo incarico a capo della caserma di Crescenzago nella quale si insedierà la prossima settimana. 

Presenti i sindaci di Albizzate Mirko Zorzo, di Solbiate Arno Oreste Battiston, di Jerago con Orago Emilio Aliverti e il vicesindaco di Besnate Giuseppe Blumetti. «Una collaborazione stretta, schietta e soprattutto efficace - ha commentato sui social Aliverti - anche nei momenti più complicati». Un carabiniere molto apprezzato e stimato dai cittadini dei quattro Comuni che afferiscono alla stazione di Albizzate, Comune che nel 2019 gli ha assegnato la massina onorificenza cittadina. Foti è stato salutato anche dal sindaco di Besnate Giovanni Corbo. «Quando ho iniziato come assessore la mia attività amministrativa il maresciallo Andrea Foti iniziava il comando della nostra stazione dei Carabinieri - ha ricordato sui social Corbo - ora è giunto il giorno per lui di intraprendere una nuova tappa del suo percorso professionale che lo porterà lontano da Besnate. Il riconoscimento dell’intera comunità besnatese l’accompagnerà nella sua nuova sede. Grazie maresciallo». 

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore