/ Politica

Politica | 24 febbraio 2024, 09:38

Astuti (Pd): «La salute è un diritto. Il ruolo fondamentale della formazioni e della ricerca»

È iniziata ieri mattina a Palazzo Pirelli la conferenza regionale sulla salute organizzata dal gruppo regionale del Partito Democratico. Il consigliere varesino: «L’incontro ci ha regalato molte idee e proposte a cui rifarci per ripensare una sanità che sia davvero a misura di cittadino»

Astuti (Pd): «La salute è un diritto. Il ruolo fondamentale della formazioni e della ricerca»

È iniziata ieri mattina, a Palazzo Pirelli, la Conferenza regionale sulla salute organizzata dal gruppo regionale del Partito Democratico dal titolo “La salute è un diritto” che, tra ieri e oggi, prevede lo svolgimento di dieci incontri su diversi temi riguardanti la salute e il sistema sanitario regionale.

 

“Università, ricerca, innovazione e intelligenza artificiale per la sanità 5.0” il titolo del panel coordinato ieri, nel pomeriggio, dal consigliere Samuele Astuti.

 

«Un utile confronto per capire in che modo la formazione e le nuove tecnologie possono aiutare a rimettere in piedi un sistema che sta facendo molta fatica a dare risposte ai cittadini – dice Astuti – Il mondo cambia e le nuove tecnologie avanzano, il cambiamento è sempre più veloce ed è evidente che dobbiamo assumerci la grande responsabilità di costruire una griglia dove poterci muovere».

 

«L’incontro di ieri – aggiunge il consigliere dem - ci ha regalato molte idee e proposte a cui rifarci per costruire delle risposte che siano più adeguate alla grande trasformazione in atto e che ci permettano di ripensare una sanità che sia davvero a misura di cittadino, anche riattualizzando il prezioso articolo 32 della nostra costituzione».

 

«Le nuove tecnologie richiedono competenze più ampie – dice Astuti - e con il prof. Bruno Giannì, Preside della facoltà di Medicina UNIMI, abbiamo parlato del presente e del futuro delle professioni sanitarie, mentre il prof. Patrizio Bianchi, professore Emerito e Cattedra Unesco UNIFE, ha ribadito il ruolo fondamentale dell’istruzione in un ambito, quello sanitario, che ha ancora troppe resistenze».

 

«Le innovazioni delle biotecnologie hanno impatti incredibili in sanità e il ruolo dell’Europa dovrà essere ancora più importante» ha detto Astuti, introducendo gli interventi dei due europarlamentari dem presenti in sala: Patrizia Toia, che ha fatto il punto sulle competenze europee, sull’economia dei dati e l’importanza dell’investimento pubblico nelle biotecnologie e Brando Benifei, relatore generale del regolamento sull’intelligenza artificiale dell’UE che sarà direttamente applicabile tra due anni e che, come sottolineato dallo stesso Benifei, nasce dopo una lunghissima negoziazione parlamentare, con l’obiettivo di ridurre i rischi e aumentare le opportunità nell’uso dell’intelligenza artificiale, aumentandone l’utilizzo in modo però consapevole.

 

La senatrice Beatrice Lorenzin ha parlato della necessità di investire sul capitale umano e di normare l’utilizzo dei dati, annunciando una sua prossima proposta in parlamento che cerca di superare il problema dei dati e della privacy ai fini della ricerca.

 

«La più straordinaria leva di innovazione è rappresentata però dall’intelligenza artificiale, come ha ribadito il prof. Giuliano Noci, prorettore POLIMI e Comitato Nazionale IA, che dal suo speciale osservatorio ha sottolineato l’eccezionalità del cambiamento che ci aspetta, anche in ambito sanitario, dove assisteremo a cambiamenti dei concetti stessi di diagnosi, di cura e di intervento».

 

Fondamentali anche i contributi di Piera Levi-Montalcini, dell’Associazione Rita Levi-Montalcini; di Enrico Desideri, Fondazione per l’Innovazione in Sanità; di Maria Grazia Magro, responsabile strategia e affari scientifici Human Technopole; di Anna Chiara Rossi, Consiglio Direttivo Federchimica Assobiotec; di Federico Pizzetti, Professore Biodiritto UNIMI; di Maria Teresa Zucchelli, esperta applicazioni IA in sanità.


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore