/ Economia

Economia | 15 novembre 2023, 12:30

Varese settima città più cara d'Italia batte Torino e Firenze ma anche Como: +2,3% l'inflazione su ottobre 2022, 606 euro il rincaro annuo per famiglia media

Sul podio dei rincari stilati dall'Unione Nazionale Consumatori c'è Milano con +679 euro di spesa aggiuntiva annua per famiglia media, poi Alessandria e Bolzano. A Trapani si spendono solo 38 euro in più all'anno, a Pescara, penultima, +61 euro, e a Reggio Emilia, terzultima, +72 euro. In testa alla classifica delle regioni più "costose" c'è la Valle d'Aosta, poi Umbria e Lombardia: ultime Molise, Abruzzo e Sicilia

Varese dall'alto nel magnifico scatto di Enrico Scaringi

Varese dall'alto nel magnifico scatto di Enrico Scaringi

Varese settima città più cara d'Italia (+2,3% l'inflazione annua su ottobre 2022, 606 euro il rincaro annuo per famiglia media) in una classifica dominata da Milano (+2,5%, 679 euro il rincaro per una famiglia media) davanti ad Alessandria e Bolzano. La Città Giardino si posizione subito dietro Venezia e Siena, ben davanti a città come Perugia (al 9° posto), Trieste (all'11°), Napoli (al 13°), Firenze (al 16°), Vicenza e Padova (entrambe al 17° posto), Torino (al 20°) ma anche di Como, che è ventiduesima (+1,8%, +475 euro) nella classifica stilata dall'Unione Nazionale Consumatori in base ai dati dell'inflazione di ottobre resi noti dall'Istat. 

La graduatoria mette in fila tutte le città e le regioni più care d'Italia in termini di aumento del costo della vita: non solo, quindi, le città capoluoghi di regione o i comuni con più di 150 mila abitanti.

In testa c'è Milano dove l'inflazione tendenziale pari a +2,5%, pur essendo "solo" la sesta più alta d'Italia, si traduce nella maggior spesa aggiuntiva su base annua, equivalente a 679 euro per una famiglia media, 970 per una di 4 persone.

Medaglia d'argento per Alessandria che ha la seconda inflazione più alta d'Italia, +2,9% su ottobre 2022 e un incremento di spesa pari a 644 euro a famiglia. Sul gradino più basso del podio Bolzano che con +2,4%, settima città per inflazione, ha una spesa supplementare pari a 638 euro annui per una famiglia tipo.

Appena fuori dal podio Pisa (+2,8%, al 3° posto per inflazione, pari a 631 euro), poi Venezia (+2,6%, 625 euro), al sesto posto Siena (+2,7%, +609 euro), quindi Varese (+2,3%, 606 euro), Benevento, che con +3,1% registra l'inflazione più alta d'Italia (pari a 603 euro) e Perugia (+2,5%, 574 euro).

Chiude la top ten Aosta (+2,3%, +569 euro).

Sull'altro fronte della classifica, la città più virtuosa d'Italia in termini di spesa aggiuntiva più bassa non è più Potenza, che perde il suo storico primato, ma Trapani, con l'inflazione più bassa d'Italia, +0,2% e dove in media si spendono solo 38 euro in più all'anno. Al 2° posto Pescara, (+0,3%, +61 euro). Medaglia di bronzo Reggio Emilia (+0,3%, +72 euro). 

Molto bene anche Campobasso (+0,4%, +73 euro), Catania al quinto posto (+0,5%, +99 euro), seguono Parma (+0,5%, +121 euro), Caltanissetta, settima Caserta, poi Ravenna. Chiude la top ten delle migliori, Ancona (+0,9%, +179 euro).

Sul fronte opposto della graduatoria, la città più virtuosa d'Italia in termini di spesa aggiuntiva più bassa non è più Potenza, che perde il suo storico primato, ma Trapani, con l'inflazione più bassa d'Italia, +0,2% e dove in media si spendono solo 38 euro in più all'anno. Al 2° posto Pescara, (+0,3%, +61 euro). Medaglia di bronzo Reggio Emilia (+0,3%, +72 euro). 

Molto bene anche Campobasso (+0,4%, +73 euro), Catania al quinto posto (+0,5%, +99 euro), seguono Parma (+0,5%, +121 euro), Caltanissetta, settima Caserta, poi Ravenna. Chiude la top ten delle migliori, Ancona (+0,9%, +179 euro). 

In testa alla classifica delle regioni più "costose", con un'inflazione annua a +2,3%, la Valle d'Aosta che registra a famiglia un aggravio medio pari a 569 euro su base annua. Segue l'Umbria, dove la crescita dei prezzi del 2,4% implica un'impennata del costo della vita pari a 542 euro, terza la Lombardia, +2% e 520 euro.

La regione più risparmiosa non è più la Basilicata, ma il Molise (+0,6%, +110 euro). Medaglia di Bronzo per l'Abruzzo, terza la Sicilia.

«Al di là del calo dell'inflazione annua rispetto a quella tendenziale registrata a settembre 2023, dovuta ad un effetto ottico matematico, ossia al fatto che nell'ottobre del 2022 in Italia e nella gran parte delle nostre città si era raggiunto il record dell'inflazione annua, +11,8% quella italiana, un primato che non si aveva dal marzo del 1984, e, quindi, il confronto ora rispetto a quel mese risulta falsato, resta comunque una stangata per gli italiani. Non dobbiamo dimenticarci, infatti, che l'inflazione, anche se ora è più bassa, si aggiunge ai rincari registrati in questi ultimi due anni e a prezzi assoluti che sono già da record, a livello astronomico. Insomma, anche un minimo rialzo ora fa molto più male rispetto a prima» afferma Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore