/ Economia

Economia | 15 marzo 2023, 07:00

Con la seconda torre Inalpi punta a raccogliere 1 milione e mezzo di litri di latte al giorno [FOTO E VIDEO]

Ambrogio Invernizzi: "L’idea della torre di polverizzazione è sempre stata di Michele Ferrero, al primo incontro ero piuttosto scettico. E’ stata un’operazione incredibile in cui abbiamo trovato tutti la forza di provarci, soprattutto i conferitori, che hanno abbandonato contratti storici per conferire il loro latte a un azienda che ne lavorava pochissimo. Una vera sfida”

Con la seconda torre Inalpi punta a raccogliere 1 milione e mezzo di litri di latte al giorno [FOTO E VIDEO]

È stata inaugurata venerdì 10 marzo 2023, la seconda torre di polverizzazione del latte Inalpi. Un momento storico per l’azienda di Moretta che segna un importante passaggio, un segnale che arriva in un periodo delicato e particolare, chiara espressione di quella scelta di guardare al domani, concretizzando un percorso di crescita costante.

All’inaugurazione hanno preso parte i protagonisti di una lunga storia iniziata nel 2009 con la nascita della filiera corta e controllata del latte e la costruzione della prima torre di sparayatura.


Ad aprire l’incontro, moderato dal giornalista Beppe Gandolfo, il presidente Inalpi SpAAmbrogio Invernizzi – “Tutto ha avuto inizio nel 2009, l’anno del primo grande investimento, fatturavamo 20 milioni di euro e ne abbiamo investiti 35. L’idea della torre di polverizzazione è sempre stata di Michele Ferrero, al primo incontro ero piuttosto scettico. E’ stata un’operazione incredibile in cui abbiamo trovato tutti la forza di provarci, soprattutto i conferitori, che hanno abbandonato contratti storici per conferire il loro latte a un azienda che ne lavorava pochissimo. Una vera sfida”

Sul palco è poi salito Raffaele Tortalla – Presidente Compral Latte che ha così ricordato il cammino degli inizi della filiera del latte “E’ stata un’esperienza che ha trovato inizialmente non poche difficoltà da parte degli allevatori. Credo che Compral Latte ci abbia messo cuore, coraggio e collaborazione. È un progetto per il territorio in cui ciascuno ha la sua importanza, dal più grande al più piccolo allevatore”.  A Tortalla è seguito poi Roberto Moncalvo – Presidente Coldiretti Piemonte – “Coldiretti è presente in questo progetto sin dal primo giorno, la cosa più difficile è stata convincere i primi cento conferitori e reperire i primi 5000 quintali di latte. L’indicizzazione del prezzo ci ha consentito di avere un rapporto alla pari con l’industria e in questi 12 anni i conferitori Inalpi hanno percepito oltre il 10% in più del prezzo medio del latte. Questi pochi centesi al litro sono quelli che fanno la differenza”.  E a chiudere il primo blocco di interventi Paolo Maggi - Managing Director and President Tetra Pak South Europe – “Vedere il nome Tetra Pack e Inalpi vicini, è una grandissima soddisfazione. Il nostro è un rapporto di vecchia data, iniziato negli anni ’60 con il burrificio. Le nostre due industri puntano sula qualità e siamo un esempio di come l’unione di due eccellenze possano costruire qualcosa di unico e solido”.

Il Ministro dell’Agricoltura – Francesco Lollobrigida – si è collegato da Roma “L’inaugurazione della seconda torre di polverizzazione del latte Inalpi è la dimostrazione di un’accurata pianificazione, che ha saputo superare l’oggettivo momento difficile. Inalpi è un’industria sana e virtuosa che ha avuto la capacità di riconoscere la qualità come elemento distintivo della produzione. E nella qualità si devono integrare tutti gli attori della filiera del latte. Sono orgoglioso che lo Stato italiano abbia voluto partecipare alla crescita di questa azienda, che è un modello virtuoso, un’azienda che grazie al grande lavoro eseguito, ha raggiunto risultati straordinari in tempi rapidissimi”.

Il secondo blocco è stato aperto dalle parole di Maria Chiara Zaganelli - Direttore Generale ISMEA – che ha così raccontato le ragioni che hanno indotto l’Ente a credere nel progetto “Inalpi non è solo una narrazione, è una solida realtà. Con loro abbiamo attivato uno strumento finanziario in cui crediamo molto e che implica un approccio differente: accompagniamo l’investimento lungo tutto il suo percorso. E lo applichiamo solo a progetti che abbiano una caduta positiva su tutta la filiera e sul territorio”.

Il presidente Luca Robaldo ha poi voluto sottolineare l’impegno di Inalpi in un percorso di sostenibilità, che diventa ogni giorno elemento sempre più dirimente per la costruzione di un futuro migliore.  “Il Piemonte è stata qualificata come una delle zone più siccitose d’Italia, l’impegno delle aziende è fondamentale. Inalpi certifica la propria impronta sull’ambiente dal 2021 ed ha una particolare attenzione al ciclo e al risparmio dell’acqua”.  Un tema sul quale Ambrogio Invernizzi ha voluto sottolineare come un percorso di sostenibilità sia elemento assolutamente necessario – “L’attenzione nei confronti del Pianeta è importante per oggi e per domani. Abbiamo un solo pianeta e dobbiamo prendercene cura, per vivere bene oggi e per preservarlo domani. Come industriali è necessario avere buoni rapporti e considerazione nei confronti di chi lavora, ma è anche necessario prendersi cura del pianeta. Noi portiamo avanti progetti che prevedono risparmi di risorse, per poterle avere a disposizione più a lungo”. Il sindaco di Moretta Giovanni Gatti ha inoltre sottolineato che cosa l’organizzazione lattiero casearia rappresenti per la cittadina cuneese “Inalpi è un fiore all’occhiello della nostra comunità: prima di tutto per le famiglie Invernizzi, Barattero e Sapino a cui la comunità è grata. Ma anche per la sicurezza occupazionale, la stabilità sociale, la serenità delle famiglie. E’ un’azienda attenta al territorio, sensibile alle esigenze del territorio e del mondo dell’associazionismo”.

L’ultimo blocco si è aperto con le previsioni sul futuro di Inalpi del presidente Invernizzi – “Mi auguro che il futuro sia ancora molto lungo, e sempre più improntato sull’innovazione, sulla ricerca e sulla creazione del valore. Perché non ha nessun senso fare guerre di prezzo, ma è importante fare guerre di valore. L’impresa cresce grazie anche al contributo della comunità in cui è inserita ed è obbligatorio generare valore e ripartire valore”.

Per Francesco Pugliese – AD di Conad – “Tra Inalpi e Conad esistono delle vere e proprie similitudini, il nostro moto è “Persone oltre le cose” e questa filosofia appartiene anche a Inalpi. Operare in ambito territoriale è senza dubbio un vantaggio, perché se l’attività prospera, è chiaro che prospera anche il territorio. Tutti noi dobbiamo recuperare i concetti del bene comune, pensare che il valore deve essere redistribuito tra tutti gli attori della filiera e su tutto il territorio, altrimenti qualsiasi attività perde significato”.     

La tavola rotonda è poi proseguita con l’intervento del Governatore Alberto Cirio – “Oggi è una bellissima giornata e, momenti come questo, sono rari. Sono anni che viviamo una costante quotidianità di emergenza. In Inalpi vedo applicato lo stesso concetto di responsabilità sociale portato avanti dalla Ferrero. Il segreto di queste aziende è la famiglia: dalla famiglia Ferrero, alla famiglia Invernizzi, alle famiglie degli allevatori”.
A chiusura della tavola rotonda Ernesto Olivero – fondatore del Sermig – che ha sottolineato la bellezza del momento “perché progetto di persone per bene che si realizza”.

I presenti si sono poi spostati nella zona adiacente il palco per la benedizione dell’impianto da parte di don Gianluigi Marzo – parroco di Moretta.

L’incontro si è poi concluso con il taglio ufficiale del nastro per l’inaugurazione ufficiale della torre, alla presenza del governatore Cirio, del presidente Ambrogio Invernizzi, dei consiglieri d’amministrazione Pierantonio Invernizzi e Giovanni Invernizzi, della signora Anna Sapino, della famiglia Barattero e di tutti i relatori della tavola rotonda.
In apertura l’incontro si è aperto con la consegna, da parte del Sindaco di Moretta – Giovanni Gatti – della Cittadinanza Benemerita ad Inalpi SpA e con la consegna da parte di Patrick Van Stipdonk – Managing Director Interfood – di un’installazione dedicata a questa speciale giornata “Sono orgoglioso della crescita impressionante di Inalpi, loro hanno con noi un rapporto che va oltre la partnership, collaboriamo da oltre 34 anni e oramai siamo una famiglia”.

 

I numeri Inalpi

1966: anno di fondazione di Inalpi

383: numero dei dipendenti del Gruppo

83.000 mq: la superficie occupata oggi dallo stabilimento di Moretta

127 milioni di €: fatturato 2016

249 milioni di €: fatturato 2022

2010 anno di nascita della filiera corta e controllata e costruzione della prima, e tutt’ora unica, torre per la produzione di latte in polvere per l’industria alimentare sul territorio nazionale

2010 in collaborazione con la Facoltà di Agraria dell’Università di Piacenza Inalpi mette a punto, per la prima volta in Italia, l’algoritmo per l’indicizzazione del prezzo del latte pagato alla stalla.

2019 nasce InLab Solutions il centro R&D Inalpi

148 milioni di €: il piano investimenti 2020-2025 che Inalpi mette in campo per la realizzazione della seconda torre di sprayatura, dei nuovi laboratori InLab Solutions, di un moderno caseificio e per la realizzazione di progetti che la rendano sempre più azienda sostenibile e green.

300: il numero di conferitori che compongono oggi la filiera corta e controllata del latte

30 km: il raggio medio di distanza a cui sono posti i conferitori rispetto al plant di Moretta

104: i punti di controllo della check list del protocollo di filiera

20.000 i parametri controllati ogni mese sul latte conferito

34 metri altezza della seconda torre di sprayatura

31 metri altezza della prima torre di sprayatura

300 milioni di litri/anno la produzione latte in polvere della seconda torre

150 milioni di litri/anno la produzione latte in polvere della prima torre

120 tonnellate: la produzione giornaliera di latte in polvere a regime per le due torri

700 tonnellate: il latte conferito quotidianamente in Inalpi oggi

1.000 tonnellate: il latte conferito quotidianamente in Inalpi da aprile/maggio 2023

1.400 tonnellate: obbiettivo a tendere della raccolta latte giornaliera che farà di Inalpi il primo impianto di trasformazione italiano.

430.000 sono le copie del Diario Scolastico Inalpi distribuito gratuitamente su tutto il territorio nazionale a ragazzi delle scuole elementari e medie, un progetto questo che arriva al suo settimo anno di vita.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore