/ Politica

Politica | 03 febbraio 2023, 22:22

Il gran finale di Carignola allo Spazio Lavit: al suo fianco Galimberti e tutto il PD di Varese

Il candidato democatico alle Regionali ha tenuto questa sera l'incontro più importante della sua campagna elettorale, circondato dall'amministrazione comunale e non solo. Sanità, trasporti, politiche sociali e PNRR i quattro punti del programma. «Astuti più famoso? La mia politica è impegno civico e nient'altro». L'endorsement da parte del sindaco: «Ha contribuito a cambiare Varese e sa tenere insieme le diversità. Per questo va votato»

Luca Carignola insieme alla sua famiglia

Luca Carignola insieme alla sua famiglia

«Chiedete a chiunque conosciate: la Lombardia, ovvero la regione più ricca d’Europa, può godere di servizi che siano all’altezza di questo status? Vi risponderà di no. E allora saprà chi votare il 12-13 febbraio».

Così Luca Carignola ha messo il punto esclamativo a una campagna elettorale che questa sera ha visto insieme il suo momento conclusivo ma anche quello più importante: lo Spazio Lavit di via Uberti a Varese si è riempito per un incontro in cui il segretario cittadino del PD ha riassunto i contenuti della sua azione politica e del suo programma.

Un centinaio i presenti, numero raro in un periodo elettorale che normalmente non accende grandi entusiasmi e non smuove folle: oltre ad amici, sostenitori e curiosi, a colpire è stata la grande partecipazione dei rappresentanti dell’amministrazione Galimberti (presenti, oltre al sindaco, tutto gli assessori PD), di vari consiglieri comunali Dem e di Daniele Marantelli, segno che il Partito Democratico di Varese e non solo, nella corsa tra l’avvocato varesino e Samuele Astuti, abbia scelto senza possibilità di fraintendimenti dove stare.

«Sì, c’è uno più “famoso” di me - ha scherzato Carignola riferendosi al “rivale” - ma per me la politica è finalizzata all’impegno civico e a nient’altro. Io voglio aiutare Pierfrancesco Majorino e il PD a essere eletti: se poi ci sarà spazio anche per il sottoscritto, sarò orgoglioso e pronto ad andare in Consiglio Regionale». Come a dire: io di certo non sono un “poltronista”.

E proprio del candidato governatore del centrosinistra, delle 73 pagine del suo programma, meglio, Carignola ha preso quattro punti focali e li ha portati avanti con costanza in queste settimane. Sanità, trasporti, politiche sociali e risorse PNRR: cavalli di battaglia che anche nel gran finale hanno costituito il centro di parole e azioni da mettere in campo.

Per ognuno di essi il candidato ha scelto di essere accompagnato da un "testimonial". Per trattare di sanità è stato affiancato da un medico, il chirurgo Massimo Cannavò, tra i primi “eroi” del Covid (andò a Cremona nelle prime fasi della pandemia a dar manforte ai colleghi) e poi a sua volta vittima di una delle forme più gravi del virus: «La pandemia è stata una cartina tornasole dei limiti tuttora esistenti del nostro sistema sanitario regionale - ha detto Cannavò - La medicina territoriale non è stata capace di rispondere ai bisogni della popolazione, gli ospedali sono andati in crisi. Dopo quando accaduto l’esigenza di cambiamento è diventata fortissima: bisogna riportare la sanità privata a livelli di efficienza e di vicinanza alla gente. I medici ci sono, le risorse pure: servono le idee».

Da qui Carignola: «Interverremo sull’accessibilità e sulle liste di attesa: ci vuole un nuovo sistema di prenotazione e soprattutto un riequilibrio delle risorse. È inaccettabile che le stesse siano così sbilanciate sul privato: non ci meravigliamo poi se 1 cittadino su 9 rinuncia a curarsi, che ci voglia un anno per un’ecografia e che i pazienti scappino. Nella nostra costituzione c’è il principio dell’universalità dell’assistenza sanitaria: applichiamolo».

Secondo punto: i trasporti ferroviari. Al suo fianco Giuseppe D’avola, capostazione prima a Varese e poi a Gallarate, 25 anni di esperienza nel ruolo: «Regione Lombardia muove 800 mila persone e duemila treni al giorno, un quarto del volume dell’intera nazione. Sostenere come fa Trenord che il servizio sia migliorato è falso: il confronto quotidiano con i pendolari lo dimostra, essi ci chiedono più puntualità e più sicurezza». Carignola aggiunge: «I pendolari di Saronno hanno formulato delle proposte in una petizione che ha ottenuto 30 mila firma (leggi qui): si è trattato di proposte puntuali e argomentate. Non sono mai stati ricevuti da Regione Lombardia. Questo significa che c’è disattenzione e mancanza di ascolto. Poi ecco il problema della manutenzione: se i treni non arrivano in orario la responsabilità è anche delle strutture, per questo nel programma di Majorino c’è un piano per la manutenzione straordinaria. Infine la sicurezza, dei viaggiatori e del personale ferroviario: va implementata la videosorveglianza e va aumentato il numero degli addetti a bordo dei treni».

Terzo focus, le politiche sociali, trattato insieme a Roberta Bettoni, responsabile della Cooperativa per la lotta contro l’Emarginazione: «Da anni assistiamo a uno svuotamento di significato nel Sociale» ha detto Bettoni, mentre Carignola ha sottolineato come «Regione Lombardia non aggiunga un euro a quanto arriva da Stato e bandi. Questa mancanza di sensibilità è un ostacolo insormontabile al funzionamento di certi meccanismi e va corretta e ribaltata. Poi c’è una riforma del Terzo Settore che è stata approvata e mai attuata: in Lombardia non esiste la co-progettazione».

Un accenno anche alle politiche abitative. Bettoni: «Regione Lombardia nelle politiche abitative pubbliche si affida solo al mercato… È chiaro poi che soccomba». Carignola: «Il diritto alla casa è uno dei primi da soddisfare».

Per il quarto e ultimo argomento, il PNRR (e le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026), un relatore d’eccezione: Davide Galimberti, «il sindaco - per usare le parole di presentazione di Carignola - che ha restituito dignità alla città di Varese». «Oggi Fontana - ha attaccato il primo cittadino - ha affermato in un’intervista di non conoscere i 30 progetti della nostra città finanziati con le risorse del Piano. Non è vero: sono di dominio pubblico. E poi questa dichiarazione dimostra che chi in questo momento governa in Lombardia non vuole avere una visione comune: questo è preoccupante. Le risorse non sono frutto del caso, né la rigenerazione urbana lo è: sono frutto della programmazione che qui esiste, frutto dell’ascolto, frutto di una precisa individuazione delle priorità, frutto di scelte del territorio: questa è la vera autonomia, non quella sbandierata negli ultimi giorni».

L’incipit “galimbertiano” è stato un assist a Carignola per riproporre l’idea di un assessorato regionale al PNRR, al fine di gestire meglio le risorse che sono arrivate e che arriveranno, onde evitare casi come quello del paesino in provincia di Brescia che ha ottenuto finanziamenti (per i quali anche il Sacro Monte di Varese ha concorso) ma che non potrà spendere.

E poi le Olimpiadi: «Con il nuovo palaghiaccio siamo al centro del dibattito su dove collocare allenamenti ed eventi olimpici: non ce lo saremmo mai aspettati quando due anni fa abbiamo deciso di riqualificarlo, ma questo dimostra cosa voglia dire fare e fare bene». Carignola: «Salvini stesso ha detto che la Lombardia è in ritardo sui lavori per l’evento. Noi diciamo anche no a cattedrali nel deserto, in una realtà che è già molto urbanizzata».

Il sindaco di Palazzo Estense ha voluto “consegnare” al "suo” candidato anche un endorsement molto sentito: «Luca ha contribuito a cambiare verso alla città di Varese e non solo. Il segreto della sua buona politica è che tiene insieme le diverse sensibilità e le diverse anime, al fine di vincere. E senza questa dote non si vince. Tale sensibilità serve oggi in politica e serve in Consiglio Regionale: per questo va votato».

Informazione politico elettorale


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore