ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA 2023
 / Politica

Politica | 09 dicembre 2022, 17:50

Regionali, liste del presidente e sindaci. Fermento e smentite

La presenza e le foto del sindaco Mattia Premazzi durante la visita di Letizia Moratti si sono trasformate in un caso. Ma proprio gli amministratori potranno essere protagonisti nelle liste civiche dei candidati alla presidenza della Lombardia. Il primo cittadino di Venegono Inferiore smentisce però di aver avviato discorsi di questo tipo

Moratti tra Premazzi (a sinistra) e Ferrazzi

Moratti tra Premazzi (a sinistra) e Ferrazzi

Da oggi la data è ufficiale: le elezioni regionali si terranno domenica 12 e lunedì 13 febbraio.
Due mesi, dunque, e i lombardi saranno chiamati alle urne. Se si considera che nel mezzo ci saranno le festività di Natale, si capisce come i tempi per definire alleanze e liste ed entrate nel vivo della campagna elettorale siano davvero strettissimi.

Telefonate, incontri e riunioni, prima di un breve stop natalizio, proseguono. Con la candidatura di Letizia Moratti che ha sparigliato le carte e dato vita a uno scenario diverso dal solito. In campo ci sono «due candidati di centrodestra», dice il Pd.
Mentre l’ex vicepresidente della Regione rivendica il suo essere «civica».

Fatto sta che ad accogliere Moratti l’altro giorno nella sua visita a Venegono Inferiore c’era anche il sindaco “di casa” Mattia Premazzi. E le foto di rito di un primo cittadino civico ma dell’area di centrodestra con un’avversaria di Attilio Fontana hanno creato qualche malumore. Espresso, in particolare, dal neo-segretario provinciale della Lega Andrea Cassani in una chat di coalizione.

Una «reazione scomposta e fuori luogo» per Luca Ferrazzi, referente varesino della lista civica nata proprio per sostenere la candidatura di Letizia Moratti.
Ferrazzi giudica un «atto di opportunità istituzionale» la presenza del sindaco del Comune cui la candidata ha fatto visita. Precisando inoltre che «il nostro non è una passerella, ma un progetto serio in cui molti amministratori si ritrovano». E ancora: «Premazzi non ha una tessera di partito, è un civico. E comunque Letizia Moratti non è di centrosinistra. A questo punto credo che Cassani si stupirà prossimamente nel vedere che ci sono sindaci e amministratori che la sostengono».

La stessa Moratti, tra l’altro, dopo la sua visita nel Varesotto ha ringraziato con un post su Facebook Premazzi ma anche il sindaco di Barasso Lorenzo di Renzo e Marco Baroffio, Simona Michelon e Simona Mezanzani, rispettivamente sindaco, vicesindaco e assessore di Fagnano Olona.

Ciò non significa – e Ferrazzi lo rimarca – che Premazzi o altri saranno sicuramente impegnati in prima persona con una candidatura a sostegno dell’ex sindaca di Milano.
Anche perché, in questo scenario più fluido rispetto a quanto non fossimo abituati, incontri, trattative, semplici chiacchiere o voci incontrollate riguardano più fronti contemporaneamente.

Tanto che, anche a proposito dello stesso sindaco di Venegono Inferiore, ci sono spifferi relativi a un possibile ragionamento con la lista civica a sostegno di Attilio Fontana.

Fermandoci alle dichiarazioni ufficiali, Premazzi precisa che «quella dell’altro giorno è stata una presenza istituzionale, come quella in occasione della visita dell’assessore leghista Bolognini di sei mesi fa. In Provincia ho un ruolo col centrodestra. Sono un amministratore civico come lo sono sempre stato, nell’ambito del centrodestra, più nel centro che nel centrodestra. Non ho interlocuzioni con nessun candidato o nessuna lista civica per le regionali, non c’è niente di tutto ciò».
Ma guarda con maggior interesse al progetto di Letizia Moratti o quello del governatore uscente? «Io guardo con interesse a chi fa le cose bene».
Ed è vero che si sono fatti avanti sia dal fronte morattiano che da quello del centrodestra? «Con me non si è fatto avanti nessuno», dice tranchant Premazzi.

Riccardo Canetta


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore