/ Varese

Varese | 11 maggio 2022, 15:00

Scuola e Covid: un convegno per capire come la pandemia ha cambiato la vita degli studenti

Un incontro organizzato dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Varese e dall’Università Cattolica Sacro Cuore porrà l’attenzione sulla dispersione scolastica, accentuata durante il periodo di isolamento. Il tutto coinvolgendo la figura chiave degli insegnanti e diversi enti locali. Presenti i consiglieri Samuele Astuti e Francesca Strazzi

Scuola e Covid: un convegno per capire come la pandemia ha cambiato la vita degli studenti

“Sfide - Oltre la povertà educativa” è il titolo del convegno organizzato dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Varese e dall’Università Cattolica Sacro Cuore per mercoledì 18 maggio presso la Sala Montanari, in via dei Bersaglieri, a partire dalle 15.

L’incontro è rivolto al mondo della scuola e a tutta la cittadinanza, e sono stati invitati enti locali, cooperative e docenti.

«Due referenti dell’Ufficio Scolastico dell’Area Inclusioni, Luigi Macchi e Simonetta Bralia, mostreranno i risultati di un questionario relativo al periodo pandemico - spiega Laura Caruso del Provveditorato allo Studio - in cui emergerà cosa è successo con la DAD, ma anche com’è cambiata la gestione autonoma del tempo, le relazioni personali, evidenziando come la scuola è entrata nelle case delle famiglie».

Una parte politica del convegno vedrà gli interventi di Samuele Astuti, consigliere regionale con delega alla Sanità e all’Istruzione, e Francesca Strazzi, consigliere comunale di Varese. Si cercherà di esporre le azioni già intraprese dalle istituzioni e quali saranno gli interventi futuri.

L’appuntamento è la conclusione del progetto “La povertà educativa nel contesto scolastico di Varese e provincia”, e ha lo scopo di fornire un quadro di quella che è la situazione della dispersione scolastica e di dare il via a un’azione di confronto tra le istituzioni locali dell’intera provincia.

«Il progetto, nato dalla collaborazione tra Cristina Lisimberti e Katia Montalbetti dell’Università Cattolica Sacro Cuore - continua Laura Caruso - è svolto in due azioni: la prima è una ricognizione degli alunni con bisogni educativi speciali tra i 19 e i 21 anni, e una mappatura della scuola secondaria dei ragazzi non ammessi alla classe successiva».

«La seconda azione ha un peso rilevante, ed è condotta dall’Ufficio Scolastico e da CeRiForm: è volta a rilevare la situazione della povertà educativa attraverso le rappresentazioni offerte dagli insegnanti, che hanno ricostruito, tramite un questionario, la povertà educativa nel periodo pandemico, facendo riferimento al disagio giovanile e scolastico. Questo anche per dare valore alla figura strategica dell’insegnante».

Lorenzo D'Angelo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore