/ Politica

Politica | 10 maggio 2022, 07:30

Buzzetti, la “custode” del Galimberti bis: «Facciamo opere senza fare alcun debito. Presidio il bilancio come un fortino»

Intervista all’assessore alle Risorse, confermata anche nella seconda giunta del sindaco avvocato. I risultati: «Nel 2023 raggiungeremo il pareggio: Varese è l’unico comune capoluogo della Lombardia in disavanzo, noi lo abbiamo ereditato e fra un anno lo chiuderemo». Il PNRR: «Su 100 milioni di lavori nei prossimi tre anni, 40 sono coperti dalle risorse del Piano». I rapporti con i “colleghi” e le “colleghe”: «A volte è una battaglia, ma sono equilibrati. Rossella Dimaggio è una combattente, Ivana Perusin è quello che ci si aspetta da un’amministratrice»

Buzzetti, la “custode” del Galimberti bis: «Facciamo opere senza fare alcun debito. Presidio il bilancio come un fortino»

Durante il toto assessori, il suo nome non veniva nemmeno “quotato” dalla claque di giornalisti e gole profonde che si aggirava famelica di informazioni a ridosso delle stanze di Palazzo Estense. Un po’ come se il Real Madrid giocasse in casa contro il Catanzaro: 1 fisso, nemmeno la pena di scommettere…

Stessa cosa per il Buzzetti bis: «Rimane sicuramente, troppo importante la sua partita per Galimberti» sussurravano i ben informati. Avevano ragione. 

Nella squadra del sindaco avvocato fa il lavoro più tecnico e meno interessante che ci sia agli occhi esterni («alcuni miei clienti manco sapevano fossi assessore…»). Peccato che sia anche il più decisivo: fa quadrare i conti.

«Presidio il bilancio come un fortino» racconta sorridente e ironica lei, commercialista, due figlie (Beatrice e Arianna) e un marito a sostenerla convintamente. In giunta la immaginiamo come un perno, tirato da destra e da manca da forze uguali e contrarie, alla perenne ricerca di un equilibrio. Tra variazioni, tagli, ammanchi e soprattutto richieste. Cristina Buzzetti conferma la ricostruzione, normalizzandola: «Abbiamo rapporti equilibrati e le richieste non sono mai prevaricatrici o arroganti, ma a volte sono martellanti. È una bella battaglia, ma si va sempre avanti cercando una sintesi».

A lei, assessore Buzzetti, spetta quindi l’ultima parola?

L’ultima parola spetta al sindaco, in verità, anche perché è lui a fare mediazione politica quando serve. Ma il bilancio comunale, anche se non interessa a molti, è centrale in ogni situazione: senza soldi non si fa nulla, le idee non bastano.

E allora come sta il bilancio di Palazzo Estense? 

È un bilancio sicuramente equilibrato, che ci permette di lavorare con le nostre risorse, senza andare in anticipo di tesoreria. È come se un’azienda non chiedesse mai un fido… Un Comune per regola può andare a debito solo per fare opere: nel nostro caso, invece, o abbiamo utilizzato i bandi o le risorse correnti, di cui l’80% arriva dalla fiscalità. Per due opere in particolare abbiamo utilizzato la cassa: il Palaghiaccio e il campo di Calcinate degli Orrigoni. Niente mutui, ci avrebbero ingessato.

Anche perché è stato reso noto un buco di 7,8 milioni ereditato nel 2016…

Anche qui: interessa a pochi. Se aumentiamo la Tari di 3 euro all’anno veniamo subissati di lamentele su Facebook, se invece ricordiamo che da anni ci portiamo dietro una perdita come se fosse uno zaino, nessuno dice niente. Eppure è un fatto, che ci impedisce di godere appieno dei risultati della nostra amministrazione.

Recentemente ha dichiarato che il recupero di tali perdite è andato avanti “a tappe forzate”: 5 milioni in 5 anni, con la possibilità di raggiungere il pareggio già nel 2023…

Per un po’ abbiamo deciso di non immolarci, ma di fare le formichine. Poi sono intervenuti due fattori. Il primo è stata la possibilità di liberare gli avanzi di gestione e di usarli subito, grazie alla battaglia che il sindaco di Milano Sala ha fatto presso il Governo: ora la norma contabile è cambiata, la cosa ci ha ingolosito e abbiamo deciso fosse quindi opportuno cercare un recupero più rapido. Reso possibile, e questo è stato il secondo fattore, dal fatto che nel 2021 abbiamo chiuso tante piccole opere, piccoli cantieri che hanno creato economie, finite a chiusura del disavanzo. Siamo così riusciti a dare un altro bel colpo al “buco”, come lo chiama il sindaco…

Un Comune “col buco” cosa comporta?

È una situazione che comporta diversi limiti, per esempio nell’assunzione di dipendenti o nelle consulenze esterne. E poi è come se fossi un osservato speciale: dopo il disavanzo c’è il dissesto… Varese è l’unico capoluogo di provincia della Lombardia in disavanzo.

Qual è la voce di bilancio che la preoccupa di più?

Quella che riguarda le manutenzioni: non riusciamo a dare risposte a tutti. Si fa fatica a stare dietro con le somme a ogni esigenza: metti a posto il marciapiede in una zona e subito si apre una voragine in un’altra. E questo provoca anche un disallineamento tra quello che facciamo e quello che viene percepito dai cittadini.

La “spesa” che l’ha resa più orgogliosa?

Essere riuscita a dare la copertura a Ivana Perusin per le luci natalizie ai Giardini Estensi. È stato un bello sforzo, ma il risultato ottenuto è andato oltre ogni aspettativa, più che giustificando la spesa. Mi ha reso orgogliosa. 

La vera svolta delle amministrazioni Galimberti è stato l’utilizzo dei bandi?

Sì, senza dubbio: se non avessimo sfruttato le possibilità da essi concesse, saremmo rimasti immobili. Hanno fatto la differenza sulle opere pubbliche. Un Comune in disavanzo come il nostro era inchiodato al suolo: avesse contratto mutui, sarebbe stato costretto a togliere servizi ai cittadini per pagare le rate. Invece non è successo. Il merito maggiore va allo stesso sindaco: c’è un ufficio di fundraising che ogni settimana ci aggiorna sulle novità, ma sul tema Galimberti è un propulsore incredibile.

Il Galimberti bis ha anche le risorse PNRR da sfruttare…

Anch’essi intercettabili solo tramite bando: contributi diretti PNRR esistono solo sul sociale, per progetti di recupero. Per il momento, sui 100 milioni di opere che abbiamo messo nel bilancio di previsione 2022-2025 presentato a marzo, 40 sono coperti dal PNRR. Alcune di queste opere sono già state finanziate: penso per esempio all’ex Macello Civico, a Villa Baragiola e al rifacimento del parterre dei Giardini Estensi.

Cosa le sta lasciando l’esperienza nell’amministrazione cittadina?

Tre cose importanti. Una scuola tecnica pazzesca, perché i meccanismi di un bilancio comunale sono molto particolari. Poi la possibilità di relazionarmi con un mondo molto lontano da quello di una libera professionista: da dentro capisci che la macchina pubblica funziona in un certo modo e a volte devi rassegnarti a determinate dinamiche e tempi. La terza sono i rapporti umani, soprattutto con le colleghe donne, Francesca Strazzi compresa.

Quali sono le migliori qualità delle quattro assessore donne?

Nicoletta (San Martino, assessore ad Ambiente e Sostenibilità ndr) è quella che conosco meno: ha in mano una partita molto delicata, ma con la giusta esperienza riuscirà a portarla avanti. Rossella (Dimaggio ndr) è una combattente, ha dei principi sui quali non molla mai e questa cosa mi piace molto. Ivana, infine, è ciò che ci si aspetta da un’amministratrice di una città piccola: è molto vicina alle persone. Le scrivono una mail e lei risponde. La chiamano da un bar perché hanno bisogno? Lei ci va.

Manca la sua qualità?

Io sono la custode del sindaco.

Fabio Gandini e Andrea Confalonieri


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore