/ Territorio

Territorio | 23 marzo 2022, 14:22

Ora la benzina conviene farla in Italia. In Svizzera è ancora attorno ai 2 euro al litro

Tra i primi effetti del decreto del governo, uno storico sorpasso: la benzina “italiana” è più economica di quella oltre confine: circa 20 centesimi il risparmio per ogni litro

In foto i prezzi al distributore di via Matteotti ad Arcisate e, a destra, uno di quelli oltre confine a Gaggiolo

In foto i prezzi al distributore di via Matteotti ad Arcisate e, a destra, uno di quelli oltre confine a Gaggiolo

Subito visibili i primi effetti del decreto tramite il quale il governo ha deciso di arginare, tra le altre cose, i prezzi di benzina e gasolio. L’urgente taglio delle accise ha dato un risultato notevole: fare il pieno in Italia conviene più che farlo in Svizzera.

I prezzi al litro, aggiornati a stamattina, di benzina e diesel in Italia (nella foto i prezzi del distributore in via Matteotti ad Arcisate) sono rispettivamente di circa 1,78 € e 1,79 €.

Questi prezzi, confrontati con i distributori appena oltre confine, appaiono vantaggiosi, e non di poco. Da parecchi anni isole del tesoro del rifornimento per i numerosi frontalieri impegnati quotidianamente in viaggi Italia-Svizzera, ora il prezzo al litro si assesta su 1,98 € per la benzina e 2,07 € per il diesel.

A conti fatti, fare rifornimento in Italia fa risparmiare tra i 18 e i 20 centesimi al litro. La situazione del prezzo del carburante in Svizzera è «un disastro» a detta stessa di una dipendete di una stazione di rifornimento.

Lorenzo D'Angelo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore