/ Attualità

Attualità | 23 marzo 2022, 10:31

Attenzione alle false raccolte fondi pro Ucraina (VIDEO)

La Polizia Postale mette in guardia contro il rischio di truffe

Un immagine tratta dal video della Polizia Postale

Un immagine tratta dal video della Polizia Postale

Pur non essendo un fenomeno inedito, in quanto da sempre vi sono sciacalli pronti a trarre indebito guadagno dalle disgrazie altrui, una segnalazione della Polizia Postale rimarca come, se non si adottano opportuni accorgimenti, la generosità nei confronti della popolazione ucraina, messa alle corde dall’assedio russo, possa esporre al rischio di truffe perpetrate da soggetti privi di scrupoli.

Pertanto la Polpost invita a diffidare di richieste di denaro inviate per tramite di servizi di messaggistica istantanea (quali Whatsapp, Telegram, Skype), Instagram o mail.

La Polizia invita contestualmente ad adottare semplici quanto efficaci accorgimenti, ricordando che:

1. Le raccolte di fondi a scopo benefico vengono generalmente concordate con l’ente pubblico al quale la somma è destinata, che in genere la pubblicizza sulle sue pagine web ufficiali;

2. Pur essendo possibile che una raccolta fondi non autorizzata possa poi effettivamente giungere al destinatario indicato, è importante che il cittadino, prima di effettuare la donazione, verifichi se sulla pagina web ufficiale del destinatario, vi siano le corrette coordinate bancarie, diffidando delle richieste di versamento su carte di credito ricaricabili;

3. In caso di dubbio contattare gli uffici della Polizia Postale e delle Comunicazioni sul territorio, facilmente rintracciabili sul web o rivolgersi al sito ufficiale della Polizia Postale e delle Comunicazioni www.commissariatodips.it per chiedere informazioni

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore