/ Territorio

Territorio | 04 marzo 2022, 09:19

In arrivo a Cocquio i primi profughi ucraini, tra loro anche due bimbi di 3 anni

Approvato all'unanimità il progetto del Comune con cui verranno accolti quattro minorenni, tra i 3 e i 16 anni, con le loro mamme, che verranno sistemati in un alloggio comunale. L'appello del sindaco: «Doveroso aiutare chi fugge dalla guerra»

In arrivo a Cocquio i primi profughi ucraini, tra loro anche due bimbi di 3 anni

Sono in arrivo a Cocquio Trevisago, probabilmente già nelle serata o nella notte tra venerdì e sabato, i primi profughi ucraini che verranno ospitati in paese grazie al progetto di accoglienza approvato all'unanimità dall'amministrazione comunale, che si avvale della collaborazione delle associazioni.

A Cocquio arriveranno quattro minorenni, Rotislav e Danilo di 3 anni, Victoria di 12 e Oleg di 16, accompagnati dalle loro mamme. 

«Passeranno dalla frontiera tra Ucraina e Ungheria perché passare dalla Polonia è molto più complicato - spiega il sindaco Danilo Centrella - dovrebbero arrivare venerdì sera a Bologna dove dei nostri volontari andranno a prenderli con il pulmino del Comune».

Seguendo il protocollo anti Covid tutti gli ospiti verranno prima sottoposti a tampone di controllo. 

«Li ospiteremo in un alloggio comunale adeguatamente allestito - prosegue il sindaco - grazie alla collaborazione della Caritas, di Sacra Famiglia e dell'associazione Amici di Cocquio. Sappiamo purtroppo che una costante delle guerre sono le sofferenze patite in particolare dalle fasce deboli della popolazione come anziani, bambini e donne ed è nostro dovere dare loro pieno sostegno e assistenza». 

Il sindaco si appella ai cittadini cocquiesi e alla comunità ucraina locale. 

«Chiediamo un aiuto per l'ospitalità che probabilmente verrà richiesta anche da altre persone ucraine in fuga dalla guerra che non parlano l'italiano - conclude Centrella - noi saremo sempre disponibili per aiutare in questo tragico momento i nostri amici ucraini». 

L'associazione Amici di Cocquio organizza sabato, dalle 14 alle 18, una raccolta di alimenti e vestiario da destinare o alle persone ospiti in paese o da inviare nelle zone di guerra. 

M. Fon.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore