/ Varese

Varese | 16 marzo 2021, 16:30

Varese presenta un grande piano di rigenerazione urbana, con tre proposte dedicate ai quartieri

Belforte, Masnago e San Fermo candidati a bandi del Ministero e della Regione per la rigenerazione urbana, per una valorizzazione del tessuto sociale, culturale e artistico varesino

Varese presenta un grande piano di rigenerazione urbana, con tre proposte dedicate ai quartieri

La rigenerazione urbana promossa in due bandi, uno del Ministero per le Infrastrutture e l'altro di Regione Lombardia. Tre le proposte presentate dal Comune di Varese che coinvolgono altrettanti quartieri: Belforte, Masnago e San Fermo. L'obiettivo è lo stesso, la riqualificazione del patrimonio edilizio, per migliorare l'accessibilità, la sicurezza; promuovere l'arricchimento culturale, la qualità della vita e infine la sostenibilità. «Come abbiamo fatto in questi anni – spiega l'assessore ai Quartieri Francesca Strazzi – abbiamo colto al volo le opportunità presentate da questi bandi perchè ci consentono di portare avanti la nostra attenzione ai quartieri e alla loro qualità della vita».

La prima proposta presentata dall'amministrazione comunale, con il nome di “ViVa-Vivere Varese”, mette al centro il quartiere di Belforte, nella periferia orientale della città, con un grande intervento di rigenerazione urbana a impatto sociale e culturale. Tanti gli interventi proposti per restituire alla zona spazi idonei in grado di creare coesione sociale, con la riqualificazione di alcune aree come Largo Gigli e via Podgora, e con la realizzazione di un cuore verde, residenziale e culturale nell’area dell’ex Macello civico (leggi QUI il progetto completo).

Dalla parte opposta della città, la seconda candidatura al bando "PinQua" per la rigenerazione urbana vede protagonista il quartiere di Masnago, con l'intento di rendere l'area il fulcro artistico e culturale di Varese. La proposta mira a una riqualificazione che ha il suo epicentro nel comparto storico di Villa Baragiola e del suo parco, dove sono presenti numerosi edifici, di cui diversi non più occupati che richiedono interventi di recupero. In questo contesto l'intento è riqualificare gli immobili rafforzando la vocazione culturale del quartiere, in stretta connessione con il Castello di Masnago. Sono proposti ad esempio interventi per la realizzazione di un nuovo Centro Internazionale di Fotografia nello spazio museale, la creazione di un bookshop e di una caffetteria, di nuovi spazi espositivi, con zone sia interne sia esterne dedicate ai laboratori. Infine, nuovi spazi esterni inseriti nella cornice del parco di Villa Baragiola, per installazioni artistiche, allestimenti ed eventi culturali, a cui si aggiunge la realizzazione di un orto biologico, con tanto di frutteto e giardino botanico, in collaborazione con la Società Orticola Varesina. La candidatura al bando così articolata prevede un costo complessivo di oltre quattordici milioni.

Il terzo quartiere oggetto della proposta di rigenerazione urbana è infine quello San Fermo. Qui la strategia di riqualificazione mette al centro la dinamica educativa e sociale perchè in le scuole dell'infanzia, primaria e secondaria sono l'asse intorno a cui ruota la valorizzazione di tutto il tessuto sociale, con la creazione di spazi e aree in grado di offrire poli di aggregazione, socialità e formazione per gli abitanti del quartiere. In particolare l'intervento riguarda la creazione di un Polo dell'infanzia 0-6 anni, con attività legate alla formazione e al supporto della maternità (leggi QUI).

«Si tratta di proposte finalizzate a restituire ai quartieri periferici una forte centralità nelle politiche di intervento – spiega Andrea Civati, assessore ai Lavori pubblici – a partire dalla considerazione che proprio questi quartieri rappresentano molto spesso le zone più popolose della città. E' quindi sempre più importante offrire opportunità per ripensare la nostra realtà secondo il modello urbano della città intelligente, inclusiva e sostenibile».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore